12 mila euro da pagare

Il professore ordinario col doppio lavoro: condannato

Corte dei Conti

Genova. La Corte dei Conti della Liguria ha condannato a un risarcimento di oltre 12 mila euro un professore
ordinario della facoltà di Ingegneria di Genova.

La procura chiedeva una condanna a 372 mila. Secondo l’accusa, il professore aveva esercitato attività libero-professionale incompatibile con il suo incarico di docente, e in alcuni casi non aveva partecipato ai consigli di facoltà e di dipartimento.

Dalle indagini svolte dalla procura contabile era emerso che il professore aveva avuto incarichi retribuiti all’interno di alcune società nonostante avesse un contratto a tempo pieno con l’Ateneo genovese. Attività giudicate incompatibili.  Il procuratore contabile contestava anche il danno causato dai compensi percepiti per i 44 consigli di facoltà e i 35 di dipartimento a cui era risultato assente ingiustificato.

I giudici hanno parzialmente accolto le richieste della procura, giudicando prescritti tutti gli anni precedenti al 2007
e non ravvisando il danno erariale per le attività svolte al di fuori dell’Ateneo. Accolta, invece, la richiesta risarcitoria
per i consigli a cui il professore era assente ingiustificato. Da qui la condanna a oltre 12 mila euro.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.