Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Guardia di Finanza: scoperti 300 lavoratori in nero, appalti ‘viziati’ per oltre 18 milioni

Liguria. Frodi fiscali, vigilanza sulla spesa pubblica, attività anti contrabbando, lotta al gioco illegale, lotta al riciclaggio di capitali illeciti, alla contraffazione, contrasto ai traffici illeciti. Questi i principali ambiti di attività della Guardia di Finanza, che ha svelato i dati sull’attività del 2014.

Sono stati 3.441 gli interventi ispettivi, tra verifiche e controlli, sulle frodi fiscali: concluse 659 indagini di polizia giudiziaria che hanno consentito di denunciare 287 responsabili di reati, anche in ordine a casi di evasione fiscale internazionale realizzata attraverso condotte illecite riconducibili a fittizie residenze all’estero di persone fisiche e società.

Sono stati scoperti, inoltre, 298 evasori totali, soggetti completamente inadempienti agli obblighi della dichiarazione dei redditi annuale.

In materia di scontrini e ricevute fiscali i controlli sono stati 16.741, di cui 4.120 risultati irregolari (pari al 25% di quelli totalmente eseguiti).

Individuati 402 lavoratori irregolari, di cui 297 totalmente in nero, e 223 datori di lavoro che hanno utilizzato manodopera irregolare/in nero.

Sequestri finalizzati alla confisca anche per beni e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 33 milioni di euro nei confronti dei responsabili di reati fiscali.

Nel corso del 2014 sono state scoperte frodi ai finanziamenti comunitari e nazionali per circa 2,4 milioni di euro e accertato un danno erariale di oltre 21,6 milioni di euro. Denunciati 124 soggetti per reati contro la pubblica amministrazione (corruzione, concussione, peculato e abuso di ufficio). Sui 50 milioni di euro di valore degli appalti pubblici controllati le procedure di affidamento irregolare erano per oltre 18,4 milioni di euro (denunciati 23 responsabili). Sono stati denunciati 15 soggetti per truffe ai danni del sistema previdenziale e assistenziale per complessivi 296.444 euro; smascherati 97 finti poveri che hanno beneficiato indebitamente di agevolazioni ed esenzioni; 85 gli interventi sulle frodi per ottenere l’esenzione dal ticket sanitario.

Nel comparto del contrasto al contrabbando di sigarette sono state sequestrate circa 28,5 tonnellate di tabacchi lavorati estere, di cui oltre 21 di tipo “cheap white” (ossia sigarette prodotte all’estero e nocive per la salute dei consumatori).

La Guardia di Finanza è anche impegnata sul fronte della lotta alle frodi in materie di accise e di altre imposte indirette sulla produzione e sui consumi: 304 gli interventi, 6.537 i chilogrammi di prodotti energetici sequestrati e accertato un consumo in frode per 4.000 kg.

Nell’ambito della lotta al gioco illegale, 412 gli interventi, verbalizzati 465 soggetti.

Per quanto riguarda la lotta al riciclaggio di capitali illeciti, in Liguria sono stati denunciati complessivamente 53 soggetti, attraverso il sistematico sviluppo di indagini di polizia giudiziaria, approfondite 358 segnalazioni di operazioni sospette ed eseguite 17 ispezioni e controlli antiriciclaggio nei confronti degli operatori sottoposti alla vigilanza ispettiva del Corpo.

Inoltre nel corso del 2014, in Liguria sono stati effettuati accertamenti nei confronti di 87 soggetti, tra persone fisiche e imprese, in relazione ai quali è stato eseguito il sequestro preventivo di disponibilità finanziarie pari a un valore di oltre 62 milioni di euro ed è stato proposto il sequestro di beni (tra aziende, beni mobili e immobili), per circa 33 milioni di euro.

La lotta alla contraffazione ha portato al sequestro di circa 2,4 milioni di articoli recanti falsa indicazione di origine o pericolosi, denunciando all’Autorità Giudiziaria 442 responsabili. Tra i prodotti illegali tolti dal mercato, non solo beni di lusso, ma anche generi di largo consumo.

Le indagini antidroga hanno portato al sequestro di oltre 623 Kg. di cocaina, di 600 Kg. di hashish e marijuana nonché alla denuncia di 226 persone, di cui 59 arrestate.

Nel settore della tutela ambientale sono stati eseguiti 51 interventi che hanno portato al sequestro di una discarica e di rifiuti industriali per circa 109 tonnellate, nonché aree demaniali pari a 23.810 mq.