La "buona scuola"

Genova: flash mob degli insegnanti contro la riforma Renzi

Flash Mob insegnanti

Genova. Si sono vestiti di nero, radunati in piazza De Ferrari e alle 20.30 hanno acceso un lumino ciascuno, restando in silenzio per 10 minuti intorno alla fontana. Un flash mob contro il disegno di legge sulla “buona scuola”. Gli insegnanti di Genova, come in tutta Italia, si sono dati appuntamento ieri sera per una protesta ad effetto, nel tentativo di far capire cosa non va nella nuova riforma scolastica che dovrebbe essere approvata a maggio.

«Protestiamo perché questa riforma è la morte della scuola pubblica – dicono Silvia Stalteri e Valeria Millaci, due precarie – intanto contestiamo i metodi di assunzione che privilegeranno persone che non hanno mai lavorato a scuola. Inoltre le supplenze verranno fatte dagli insegnanti di ruolo, quindi avremo la porta chiusa nonostante anni di esperienza». In piazza anche le insegnanti di ruolo e Maurizia Andreoli, in rappresentanza dei Cobas: «Il dirigente scolastico avrà potere assoluto e ogni tre anni potrà spostare docenti a proprio piacimento. Questa riforma mette fine anche agli organici collegiali che diverrebbero solo consultivi. La soppressione delle graduatorie e l’eliminazione dei punteggi di anzianità è un altro errore». Per tutti il puntare sulla meritocrazia in Italia significa che a fare carriera non sarà il più bravo, ma il più accondiscendente nei confronti del dirigente scolastico.

La riforma riguarda anche le scuole dell’infanzia: «Il rischio è che diventino tutte comunali», sottolinea Millaci.

«Abbiamo fatto tante assemblee ed eravamo stati sempre piuttosto divisi, questa riforma sbagliata ci sta unendo – dichiara Andreoli – i Cobas chiedono il ritiro della riforma. E pensare che c’era una legge di iniziativa popolare pronta, ma non è stata presa in considerazione».

Il 5 maggio è previsto uno sciopero. Le ultime voci parlano di una lettera pubblica da parte di Matteo Renzi per cercare una mediazione.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.