Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Calcio, serie D. Il Sestri Levante vince ed è ai playoff, RapalloBogliasco a valanga sull’Argentina risultati

Alla Lavagnese il derby con il Vado

Il Sestri Levante vince con autorità lo scontro con la Pro Settimo Eureka (2-1) e chiude il discorso per l’accesso ai playoff. I corsari fanno tutto in due minuti con Longobardi e Pescatore che vanno a segno rispettivamente al 23° e al 25°. Il vantaggio rossoblu è merito di un potente destro ad incrociare del numero nove, che sale a quota 18 nella classifica cannonieri. La Pro Settimo sente la possibilità di accedere agli spareggi promozione allontanarsi e si disunisce. Ne approfitta Pescatore che su cross dalla fascia sinistra è il più lesto e tempista, insaccando con un preciso e potente colpo di testa per il raddoppio locale. Il secondo tempo vede in campo una Pro Settimo decisa a non cadere senza combattere. Questo porta inevitabilmente i piemontesi a lasciare varchi invitanti per i fendenti dei ragazzi di Baldini. Il terzo gol non arriva ed anzi a pochi minuti dalla fine gli ospiti accorciano le distanze con il “solito” Parisi (anche per lui sono 18 le reti in questo campionato). Piemontesi che tentano di assaltare la nave dei corsari rossoblu, che però tengono e riescono a rientrare in porto con tre punti che significano playoff matematici, fermo restando che a tre partite dalla fine ci si può giocare ancora il primato che vorrebbe dire promozione diretta.

Vince anche il RapalloBogliasco che asfalta i cugini di ponente dell’Argentina (5-1), grazie ad una prestazione scintillante che fa ben sperare in vista del rush finale in chiave salvezza. Si decide tutto nel primo tempo, dopo un inizio equilibrato i bianconeri fanno valere una maggiore motivazione abbinata a un’organizzazione difensiva praticamente perfetta. Al 23° va a segno Toledo con un piatto destro preciso. Cinque minuti dopo raddoppia Cintoi con un gol fotocopia del brasiliano. L’Argentina è colpita ed inizia ad affondare. Il terzo colpo lo batte Zivkov al 30° che percorre tutta la metà campo avversaria, entra dalla sinistra e batte con lo stesso piede sul palo del portiere che non riesce a respingere. Passano altri cinque minuti e Costantino fornisce il pallone per il poker sul piede di Pesaresi che tira un rigore in movimento. Il secondo tempo vede un’Argentina più propositiva, ma poco motivata. I rossoneri subiscono infatti, quasi subito la “manita” firmata da Costantino, che incrocia di destro a due passi dal portiere ospite. I bianconeri di Soda, oggi in tribuna per il secondo ed ultimo turno di squalifica, controllano il match, mentre l’Argentina prova almeno ad andare a segno per non tornare ad Arma di Taggia a secco di gol segnati. Ci riesce Niang che è lesto ad avventarsi su un pallone in mischia all’86° per il definitivo 5-1.

Altro derby ligure era quello che vedeva di fronte i rossoblu di Vado e i bianconeri di Lavagna. La partita, anticipo del turno di campionato, ha visto prevalere i ragazzi di Dagnino con due gol di scarto. A dispetto del risultato netto (0-2), la partita si rivela molto equilibrata, con la Lavagnese che riesce a chiuderla solo all’86°. Primo tempo giocato alla pari, senza grosse emozioni, ma con ritmi alti, e continui ribaltamenti di fronte. Vado e Lavagnese giocano tranquille, senza ambizioni o preoccupazioni di classifica. Protagonisti sono Mair da una parte e Boggiano dall’altra. Al 22° viene espulso il mister degli ospiti Dagnino, probabilmente per qualche parola di troppo verso il direttore di gara. Il vantaggio arriva grazie a un bel gol di Di Paola, che però è frutto ancora del lavoro di un ispiratissimo Boggiano. Il Vado prova a rispondere, ma lo fa con disordine e non riesce ad impensierire Parma. Si va alla ripresa con Mair, ancora il più pericoloso dei rossoblu che viene atterrato da Genovali, già ammonito vede sventolare il cartellino rosso e deve abbandoare il terreno di gioco al 54°. Il Vado capisce che può recuperare il risultato approfittando dell’uomo in più. Ci prova prima Sancinito e poi Mair su punizione, ma gli ospiti si difendono ordinatamente. L’occasione del pareggio arriva poi con una doppia occasione che né Jawo, né, sulla stessa azione, Figone, riescono a capitalizzare a due passi dal portiere bianconero. La Lavagnese si chiude, controlla palla e si affida alle ripartenze, riuscendo a rendersi pericolosa, anche per la stanchezza che inizia ad emergere nei padroni di casa. Alla fine i bianconeri vanno a segno, chiudendo i conti con Ferrando, ben servito da Marianeschi che fissa il punteggio sullo 0-2. L’ultimo sussulto dei savonesi arriva al 91° con Chiarabini che, però trova ancora un Parma in ottima forma.

La Lavagnese si avvia quindi a un fine campionato tranquillo, nel prossimo turno ospiterà il fanalino di coda, e già retrocessa Borgomanero, per il Vado ancora un match in casa con l’Asti. Il Sestri Levante farà visita allo Sporting Bellinzago, mentre il RapalloBogliasco si giocherà punti d’oro nello scontro diretto con il Sancolombano