Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Brividi Pro Recco: pareggia a 8″ dalla sirena e piega la Sport Management ai rigori

I campioni d'Italia rischiano di uscire sconfitti da Monza ma riescono ad aggiudicarsi gara 1

Più informazioni su

Recco. Ostacolo superato, ma quanta fatica. La Pro Recco campione d’Italia ha compiuto un altro passo verso il tricolore, vincendo l’andata della semifinale con la Sport Management. A Monza è stata battaglia: la neopromossa, portandosi due volte in vantaggio, ha spaventato i liguri che hanno trovato il pareggio definitivo a 8 secondi dal termine. Ai tiri di rigore l’ha spuntata l’esperienza della Pro Recco.

Davanti ad una tribuna colma, con settecento spettatori circa, le due squadre danno vita ad una lotta serrata, con le difese aggressive e determinate a non concedere nulla. Apre le marcature Michele Lapenna dopo 1’55”; gli risponde Francesco Di Fulvio a 6’04”. Entrambe le reti giungono a uomini pari: la percentuale di realizzazione delle superiorità numeriche sarà bassissima.

La seconda frazione di gioco si apre con il vantaggio recchelino, siglato da Giacoppo dopo 1’37”. A 2’29” pareggia Bini. A 5’10” nuovamente liguri in vantaggio, ancora a segno Giacoppo. Le tre reti di questo tempo, al contrario di quelle del primo, sono tutte su azione con l’uomo in più.

Nessuna squadra riuscirà mai ad andare sul doppio vantaggio: dopo 54″ del terzo tempo Luongo insacca il 3 a 3. A 6’10” Pro Recco sul +1 con Prlainovic; passato 22 secondi e risponde Luongo.

Tensione palpabile nel quarto tempo: eventuali reti sarebbero pesantissime. A 3’51” dalla fine Luongo realizza la tripletta personale e la piscina di Monza esplode. Per la Sport Management sembra fatta, ma a 8″ dalla sirena Figlioli trova il coraggio necessario per concludere e andare a segno. Finisce 5 pari.

Prlainovic trasforma il primo rigore, poi Tempesti para il tiro di Lapenna. Vanno a segno, nell’ordine, Figlioli, Luongo, Felugo, Bini, Pietlovic e Razzi. Quando dai cinque metri si presenta Giorgetti, la Pro Recco può chiudere i conti: Alex non sbaglia e la soffertissima gara 1 premia la compagine ligure.

Martedì 5 maggio alle ore 20,30, a Sori, si giocherà la seconda sfida. Nell’altra semifinale vittoria dell’AN Brescia a Napoli sulla Carpisa Yamamay Acquachiara per 15-7.

Il tabellino:
Bpm Sport Management Verona – Pro Recco Waterpolo 1913 5-5
(Parziali: 1-1, 1-2, 2-1, 1-1)
Bpm Sport Management Verona: Volarevic, Luongo 3, Binchi, Zimonjic, Filipovic, A. Di Fulvio, Ivovic, C. Di Fulvio, M. Lapenna 1, Bini 1, Razzi, Sadovyy, Conti. All. Marco Baldineti
Pro Recco Waterpolo 1913: Tempesti, F. Lapenna, Prlainovic 1, Figlioli 1, Giorgetti, Felugo, Giacoppo 2, F. Di Fulvio 1, Figari, Pijetlovic, Aicardi, Gitto, Pastorino. All. Igor Milanovic.
Arbitri: Riccitelli e Ercoli.
Note. Superiorità numeriche: Management 2 su 9, Pro Recco 3 su 14. Espulsi per proteste Averaimo (viceallenatore Pro Recco) nel quarto tempo e Baldineti durante i rigori. Nessuno uscito per tre falli.