Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Alberghi pieni, musei e acquario presi d’assalto: ponte di Pasqua da tutto esaurito a Genova e in riviera foto

Tanti italiani, ma anche stranieri, soprattutto francesi, tedeschi, inglesi, russi, giapponesi e cinesi

Più informazioni su

Genova. Boom di turisti a Genova e in riviera durante il ponte pasquale appena terminato. Tanti italiani, ma anche stranieri, soprattutto francesi, tedeschi, inglesi, russi, giapponesi e cinesi.

Gli hotel hanno registrato in generale il tutto esaurito nel sabato e domenica di Pasqua, mentre il venerdì hanno segnalato indici di occupazione dal 70 al 90%. Soprattutto in riviera, buono anche l’afflusso di turisti possessori di seconde case.

Molti hanno affollato gli Uffici informazione e accoglienza turistica (Iat): i dati indicano circa 3.900 turisti serviti nell’arco del weekend contro i 3.474 dell’anno scorso, con una punta di oltre 600 nella sola giornata di lunedì al nuovo Iat di Porto Antico. Complessivamente sono state vendute oltre 60 visite guidate fra Centro Storico, palazzi Rolli e walking tours.

L’aeroporto ha registrato, nel weekend pasquale, circa 12 mila passeggeri in arrivo (35% stranieri), +12% rispetto allo scorso anno. Ottima affluenza anche nei musei, con punte (da metà giornata di ieri) di 1.554 visitatori al Museo di Storia Naturale (1.298 l’anno scorso), 328 al Castello d’Albertis (244 l’anno scorso), 316 al Chiossone (266 l’anno
scorso), 193 a Villa Croce.

Grande folla da sabato a lunedì a Palazzo Ducale, dove sono stati registrati oltre 2.500 ingressi alla mostra degli Espressionisti e alle altre mostre in corso. Numeri di rilievo anche all’Acquario Village: alle 16 le strutture del Village (Acquario di Genova, Galata Museo del Mare, Biosfera, Bigo, Museo dell’Antartide) registrano complessivamente, per il weekend, 35.591 ingressi, ai quali vanno aggiunti quelli acquistati attraverso Incoming Liguria.

Il controesodo di ieri è stato un’ulteriore testimonianza della grande affluenza. Nel tardo pomeriggio e in serata, infatti, sulla A10 si è registrata un’unica coda di oltre 40 km da Andora verso i raccordi per Torino e Milano in direzione Genova e altri 30 km da S.Bartolomeo a mare verso Genova. Coda di 45 km anche sull’A12 tra Sestri Levante e il capoluogo.