Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Una settimana con gli asini a Santa Margherita Ligure foto

Santa Margherita. Dopo la visita all’asineria di Massimo Montanari a Reggio Emilia l’Amministrazione ha deciso di offrire agli alunni e studenti di Santa Margherita Ligure – e ai cittadini in genere – un “assaggio” della pedagogia della lentezza, una suggestione che faccia riflettere sulla storia della mobilità degli uomini, sul loro rapporto con gli animali, in particolare con quelli “da lavoro”, sulle necessità di rispetto della terra e della natura.

Con queste idee parte così, lunedì 23 marzo, una settimana che vedrà Santa Margherita Ligure attraversata dagli asini impegnati in una serie di attività con bambini, ragazzi, adulti e anziani.

Fino a sabato 28 marzo, dal quartiere degli Ulivi a piazza del Sole; da Corte al Centro; nel quartiere di San Siro e nelle principali aree e strutture pubbliche, bambini e ragazzi esploreranno, con gli asini, il territorio attraverso attività pensate insieme alle scuole di ogni ordine e grado, al Centro Sociale, alla Casa di Riposo, alla Ludoteca, alla Biblioteca, al Labter, all’Associazione Livimbike (che giovedì 26 marzo propone un percorso di BICIBUS ai ragazzini delle scuole secondarie). Ogni mattina gruppi di ragazzi saranno accompagnati a scuola da un originale servizio di ASINOBUS.

Due i momenti conclusivi dell’esperienza: venerdì 27 marzo Massimo Montanari aspetta tutti alle ore 18 a SPAZIO APERTO (via dell’Arco, ingresso gratuito) per un incontro. Sabato 28 marzo gran finale tra piazza del Sole (mattino con Pet Therapy) e concerto ai Giardini a Mare con i ragazzi del Cag e ovviamente… gli asini!

“Sarà per tutti un’esperienza fuori dall’ordinario, per riconciliarci con la lentezza, con la capacità di vivere l’esperienza del quotidiano senza essere inseguiti dalla fretta. Sei giorni, un periodo breve, un’aperta e chiusa parentesi nelle nostre vite, in cui prendere coscienza della natura, del territorio, della cadenza delle stagioni, ma anche un diverso punto di vista sull’urbanizzazione in cui viviamo. Per imparare che anche gli asini hanno da insegnare”.

“L’organizzazione è stata molto faticosa e complessa – rivela l’assessore all’istruzione Beatrice Tassara – ma il lavoro sarà ripagato da ciò che questa esperienza ci lascerà. Devo ringraziare tutte le persone coinvolte nell’evento, e sono tante, senza le quali non sarebbe stato possibile far venire a Santa Margherita Ligure per una settimana sei asini”.

La manifestazione, per i suoi scopi e criteri, ha ottenuto il patrocinio dell’UNICEF.