Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pallanuoto, Champions League: la Pro Recco espugna Brescia con una rete di scarto

Il primo posto nel girone non è in discussione

Recco. La Pro Recco espugna Brescia per 5 a 6, con Ivovic protagonista indiscusso, e mette sempre più al sicuro il primo posto nel girone.

Parte forte la squadra ligure: prima azione in attacco dei biancocelesti e primo gol. La firma è quella di un grande assente nel campionato italiano, vale a dire Aleksandar Ivovic. I biancocelesti hanno la possibilità di scappare già dai primi minuti grazie alla superiorità numerica (Aicardi al centro è come al solito immarcabile), ma proprio come nel torneo nazionale le statistiche a uomo in più non sono il fiore all’occhiello delle calotte reccheline che sprecano ben due occasioni. Più cinici, invece, i padroni di casa che alla prima occasione trafiggono Tempesti con Bodegas. Ci pensa ancora una volta Ivovic a far sì che il Recco chiuda in vantaggio il primo parziale: così come lo aveva aperto, la calotta numero 11, fredda Del Lungo dalla distanza (1-2).

Nel secondo tempo le squadre si scambiano molti tiri dal perimetro (superiorità comprese) ma non riescono a ferirsi; per tutto il secondo parziale sono senza dubbio le difese ad avere la meglio sui reparti offensivi. Ci pensa, tuttavia, ancora una volta Ivovic a violare la porta difesa da Del Lungo: servito da Filipovic la calotta numero 11 fa registrare la personale tripletta andando a segnare dal palo (1-3).

Si riparte dopo l’intervallo lungo e dopo più di un tempo il Brescia ritrova il gol quando Rizzo scaglia la sfera alle spalle di Tempesti, dopo averla raccolta in seguito a un rimpallo sul palo (2-3). Il pareggio è nell’aria e arriva pochi minuti più tardi, dopo un’azione non concretizzata a uomo in più: Presciutti raccoglie il passaggio di Rizzo attaccato dal rientrante Jokovic e, complice una carambola sul palo, la sfera si incastra tra legno e le mani di Stefano Tempesti; è il 3 a 3. La Pro fatica davanti, a uomo in più non riesce a segnare e adesso anche le azioni “pari” non vengono trasformate; a tirare fuori il coniglio dal cilindro ci pensa l’altro Presciutti, Nicholas, a emulare il fratello e andando a trafiggere Tempesti dalla distanza. Il Recco non fa gol per un tempo intero e il Brescia, per la prima volta durante la gara, passa in vantaggio e conclude sul +1 un periodo (4-3).

Parte l’ultimo quarto e Aicardi fa gli straordinari: non solo macina gioco davanti, ma marca anche forte dietro; fino a questo punto nessuno, fatta ecceIone per Ivovic, era riuscito a segnare. Filipovic sfata il tabù e realizza la rete del pareggio dalla distanza quando mancano poco più di sei minuti dalla fine. Ivovic è davvero una furia di rara potenza, è ancora lui a segnare e a riportare in vantaggio la Pro Recco facendo registrare il personalissimo poker.

La parola fine sulla gara la mette Pijetlovic, andando a siglare dal palo il +2 a 48 secondi dalla fine. La rete di Nora, per il 5-6 finale, serve solo per il verbale: la Pro Recco espugna la “Mompiano” con il risultato di 5-6, con Ivovic mattatore indiscusso della gara.

Questa la battuta conclusiva del presidente della Pro Recco Angiolino Barreca: “Dopo tutte le polemiche della settimana vorrei dedicare la nostra vittoria in Champions League, con direttori di gara stranieri (Margeta spagnolo e Naumov russo, ndr), agli arbitri italiani”.

Il tabellino:
AN Brescia – Pro Recco 5-6
(Parziali: 1-2, 0-1, 3-0, 1-3)
AN Brescia: Del Lungo, Bruni, Presciutti C. 1, Pagani F., Molina, Rizzo 1, Giorgi, Nora 1, Presciutti N. 1, Bodegas 1, Fiorentini, Napolitano, Dian. All. Alessandro Bovo.
Pro Recco: Tempesti, Pijetlovic 1, Jokovic, Prlainovic, Giorgetti, Di Fulvio, Fondelli, Aicardi, Figari, Filipovic 1, Ivovic 4, Gitto, Pastorino. All. Igor Milanovic.
Arbitri: Margeta (Esp) e Naumov (Rus). Delegato Fin: Lonzi (Ita).
Note. Superiorità numeriche: Brescia 1 su 9, Recco 2 su 10. Nessuno uscito per limite di falli.

Gli altri risultati del girone:
Eger – Radnicki 7-6
Barceloneta – Olympiacos 12-8

La classifica:
1° Pro Recco 18
2° Eger 10
3° Barceloneta 8
4° Radnicki 6
5° Brescia 5
6° Olympiacos 4