Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova intitola una strada agli “Angeli del Fango”: unanimità in consiglio comunale

Genova. Una strada di Genova sarà intitolata agli “Angeli del Fango”. Lo ha deciso all’unanimità (22 voti favorevoli) il consiglio comunale, a seguito della presentazione di due mozioni, una del consigliere Francesco De Benedictis (Gruppo Misto) e l’altra di Lilli Lauro (Popolo della Libertà) ed Edoardo Rixi (Lega Nord), quest’ultima poi ritirata dagli stessi consiglieri perché la giunta ha espresso perplessità sull’esposizione del documento.

“Crediamo sia giusto intitolare una strada a chi ha subito risposto all’emergenza e ha dato il massimo per aiutare gli altri, diventando fondamentale per fare in modo che la nostra città si rimettesse in piedi velocemente – ha dichiarato De Benedictis – chiedo inoltre che la via scelta sia scelta in una zona di pertinenza delle alluvioni, non in cima a un monte”.

Parole simili quelli di Rixi e Lauro, a cui sono seguite le considerazione dell’assessore Elena Fiorini. “Tutti abbiamo avuto l’occasione di vedere in azione gli angeli del fango, tanti giovani, ma anche molti adulti, che hanno speso le loro energie per aiutare gli altri, quindi non possiamo che essere d’accordo – ha detto – l’intitolazione prevede un’istruttoria volta ad individuare un’area adatta e stiamo lavorando in questo senso”.

La giunta ha espresso parere favorevole sulla mozione di De Benedictis e contrario a quella degli altri due consiglieri. “Contiene elementi che non possono essere condivisi perché si afferma che non ci sia stato nessuna coordinazione da parte del Comune e della protezione civile e che abbiano fatto tutto solo gli angeli del fango”, ha precisato Fiorini.

Lauro e Rixi hanno quindi ritirato la mozione, ma non senza una stoccata da parte dell’esponente della Lega Nord. “E’ vero, non è stata colpa del Comune e della protezione civile, ma della Regione – ha detto – in particolare dell’assessore Paita, che dovrebbe riconoscere i suoi errori, visto che vuole governare la Liguria”.