Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova: alla Camera di Commercio il seminario gratuito sui fondi diretti

È a Genova la quinta tappa del nuovo ciclo di incontri sul territorio organizzati per il 2014-2015 dal Dipartimento Politiche Europee, d’intesa con l’Istituto Europeo di Pubblica amministrazione (EIPA) e in collaborazione con Unioncamere Liguria e Regione Liguria, in qualità di membri della rete Enterprise Europe Network (EEN), Comune di Genova, in qualità di membro della rete Europe Direct e Camera di Commercio di Genova.

L’iniziativa ha l’obiettivo di favorire la conoscenza dei finanziamenti direttamente erogati dalla Commissione europea: diffusione, utilizzo, concrete possibilità di accesso negli ambiti di ricerca, istruzione, energia e trasporti, cultura, ambiente, sanità. Risponde a un’esigenza particolarmente urgente alla luce di un utilizzo dei fondi tematici da parte dell’Italia molto al di sotto delle disponibilità e che invece potrebbe essere incrementato attraverso una maggiore informazione e una strategia di sistema: il nostro Paese lascia in Europa per il quadriennio 2007-2011 22 miliardi di euro, saldo negativo tra fondi versati e ricevuti.

“Unioncamere Liguria – afferma il Presidente Paolo Cesare Odone – vuole rafforzare la capacità di predisporre progetti europei sia del sistema camerale che delle imprese liguri. L’esperienza maturata in questo campo dai propri uffici, la capacità di fornire anticipazioni sui bandi di gara in uscita e di individuare partner all’estero permettono ad Unioncamere Liguria di rappresentare un valido punto di assistenza per chi vuole presentare progetti su scala europea”.

Gli incontri sono pensati per fornire informazioni mirate affinché l’Europa si dimostri una terra creatrice di opportunità, prosperità e talento, capace di migliorare la vita dei suoi cittadini sul piano dei diritti, dei prodotti, dei servizi. “Questa iniziativa risulta particolarmente utile – aggiunge l’Assessore Regionale allo Sviluppo Economico Renzo Guccinelli – perché stiamo entrando nel vivo dell’operatività del nuovo POR FESR Liguria 2014-2020 e permette quindi di cogliere le differenze tra i fondi gestiti direttamente dall’UE e i programmi gestiti a livello decentrato, agevolando una migliore distribuzione delle risorse sulla base di un partecipazione più ragionata ed efficace. Inoltre, questa giornata sancisce l’inizio di una rinnovata collaborazione con Unioncamere Liguria, visto che entrambe le nostre Amministrazioni condividono da questo anno l’appartenenza alla rete EEN, nell’ambito di un più ampio Accordo Quadro per lo sviluppo del territorio”.

“Il Comune di Genova ha aderito con entusiasmo a questa iniziativa attraverso il proprio Centro Europe Direct, che da anni rappresenta un importante punto di riferimento per la cittadinanza sulle tematiche europee – dichiara Emanuele Piazza, Assessore allo Sviluppo Economico e ai Progetti Europei del Comune di Genova. Anche noi siamo fermamente convinti che la progettazione europea costituisca uno strumento fondamentale per rafforzare la competitività della nostra città, tanto più in una congiuntura storica caratterizzata da drastiche riduzioni di risorse per le Amministrazioni Pubbliche. Anche per questo, Genova ha accettato la sfida di presiedere, per l’anno in corso, il Forum Sviluppo Economico di Eurocities, la rete delle grandi città europee, con l’obiettivo di fare lobby a favore di tutto il territorio”.

I seminari, organizzati in diverse regioni italiane, si articolano in due giornate di lavori, con una prima parte informativa e una seconda di carattere operativo, e approfondiscono i temi del Quadro Logico e del Budget di Progetto e le nuove linee di finanziamento previste dalla Commissione europea per il periodo 2014-2020.

Il quinto incontro del nuovo ciclo di appuntamenti si tiene presso la Camera di Commercio di Genova, in via Garibaldi 4, il 19-20 marzo 2015 (giovedì dalle 14 alle 18; venerdì dalle 9 alle 17).

Il corso, gratuito, è destinato a enti locali, altri enti pubblici, cittadinanza, imprese, università, ONG e qualunque soggetto interessato alla progettazione comunitaria.