Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Da via Giotto a via Chiaravagna: rebus sicurezza stradale a Sestri Ponente

Niente telecamere per far rispettare l'ordinanza e neppure dossi. Difficile un presidio fisso della polizia municipale

Sestri Ponente. La coperta è corta, cortissima e la questione viabilità nella zona tra via Giotto, via Borzoli e via Chiaravagna sembra sempre più un rebus. Tante le idee in campo, la maggior parte di difficile applicazione, quelle emerse dalla seduta del Consiglio municipale di oggi pomeriggio, alla presenza dell’assessore alla Sicurezza stradale Elena Fiorini.

Una dopo l’altra sembrano così naufragare le proposte degli abitanti. In zona non vedremo telecamere per far rispettare l’ordinanza comunale che limita il passaggio dei tir (il codice della strada le prevede solo su strade a scorrimento veloce in cui non si possono contestare le infrazioni immediatamente) e neppure dossi artificiali per ridurre la velocità dei veicoli, che ostacolerebbero il passaggio dei mezzi di soccorso.

Difficilmente, poi, vedremo un presidio fisso da parte della polizia municipale. L’organico è quello che è, l’età media elevata e il personale arriverebbe comunque lasciando scoperte altre zone. Sotto questo aspetto da gennaio si contano circa 60 sanzioni in via Borzoli e 20 in via Giotto, ma è chiaro che non bastano.

Il tema resta delicato, visto le esigenze contrastanti di aziende che in quell’area lavorano e di cittadini costretti a convivere, e a volte a morire, sotto i mezzi pesanti. “Anche l’amministrazione è in difficoltà – ha spiegato l’assessore Fiorini – è evidente. A tutti piacerebbe avere la bacchetta magica, noi possiamo solo dire che lavoriamo sul problema. Non c’è una soluzione semplice, ma stiamo provando a fare sì che in futuro la zona diventi più vivibile, ma questo richiede tempo”.

Strisce pedonali più visibili e segnali luminosi, oltre all’estensione del verde per i pedoni ai semafori potrebbero essere i palliativi, confidando nel tempo e soprattutto nella fine dei lavori per la galleria tra Borzoli e l’autostrada che il Cociv conta di terminare entro dicembre 2015.