Quantcast
Cronaca

Sestri Ponente e Borzoli in strada contro i tir

Sestri Ponente/Borzoli. Per strada, in una zona che negli ultimi due mesi ha contato altrettanti gravissimi incidenti. La manifestazione promossa dal circolo Nuova Ecologia di Legambiente è iniziata proprio all’angolo tra via Giotto e via Borzoli, dove lo scorso 2 dicembre il 18enne Alessandro Fontana ha trovato la morte, travolto da un tir in manovra.

Circa una cinquantina di persone hanno così sfilato oggi dietro lo striscione di Legambiente per chiedere più sicurezza in una zona al centro di un intenso transito di mezzi pesanti. Solo alcune settimane fa il Comune era intervenuto con un’ordinanza, finita presto al centro delle critiche dei residenti, e giudicata appunto insufficiente.

Che il problema non sia stato risolto lo ha testimoniato il secondo grave episodio avvenuto lo scorso 27 gennaio in via Chiaravagna, nei pressi del supermercato Pam, quando una quarantenne è stata travolta da una betoniera. Proprio in quel punto è arrivata la manifestazione, dopo aver percorso via Borzoli fino ai depositi container della Derrick.

Una situazione giudicata insostenibile per gli abitanti esasperati. “Non si può più andare avanti in questo modo. Se continua così – si spiega da più parti – siamo pronti a bloccare tutto”.