Quantcast

Rapallo, cena di compleanno per la Pulce: raccolti 2.500 euro per gli alluvionati della Fontanabuona

la pulce alluvionati fontanabuona

Rapallo. “Giunti al quinto compleanno, ormai ci siamo abituati e capito che la Pulce è così, come la si vede, se all’inizio qualcuno aveva pensato che usasse il suo essere un fumetto solo per fare carriera politica, ora quasi tutti han compreso che ciò che fa, lo fa solo perché ci crede e con un occhio attento ai bisogni di chi spesso resta in disparte. Anche ieri, nel suo costume azzurro, la Pulce ha fatto nuovamente centro: sala piena, una sessantina di persone tra cittadini e politici”. Si è svolta ieri sera la cena di compleanno della Pulce, occasione per raccogliere fondi per gli alluvionati del territorio.

Tra i presenti, i sindaci Carlo Bagnasco, Giorgio D’Alia, mancava solo Paolo Donadoni per impegni dell’ultimo minuto, gli assessori Ferrara, Maini, ed Elisabetta Lai prestatasi a far da “valletta” alla Pulce per far alzare le offerte durante l’asta, il segretario Comunale Maccapani, i consiglieri Brasey, Baudino, Lasinio, Pellerano, Candido, gli ex sindaci Campodonico, Cordano. “Tutti, per una sera han lasciato da parte l’abito blu, calandosi nell’atmosfera allegra ed ironica. Praticamente una occasione ghiotta che non potevamo farci sfuggire per presentare il nostro progetto di chiudere al traffico una parte del centro e creare l’evento “Domenica in Libertà”.

Nel corso della serata, oltre agli oggetti donati da amici ed esercenti son state battute all’asta le caricature dei politici presenti, disegnate dalla Pulce (Nadia Molinaris); quella dei tre sindaci del Tigullio ha raggiunto i 70 euro aggiudicata a Carlo Bagnasco, mentre Francesco Giuseppe Campodonico si è simpaticamente aggiudicato la vignetta raffigurante il padre per 50 euro.

Con soddisfazione quindi, dopo il soffio sulle candeline, al vice sindaco di Carasco Diego Marchiolè e a Claudio Solari del comitato “Salviamo la Fontanabuona” si è consegnata, la somma totale di circa 2.500 Euro di cui 1400 ricavati dalla distribuzione delle cartoline “una goccia di solidarietà”, somma destinata ad alcune famiglie danneggiate dalla recente alluvione e un pacco di materiale cancelleria per la scuola di Castelnuovo.

“Ringraziamo perciò davvero tutti, chi era a cena, chi ha offerto oggetti per l’asta, chi non potendo venire per impegni dell’ultimo minuto ha comunque inviato la sua offerta”.