Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Primari liguri liberi da esclusiva, il consiglio regionale approva, ma il Pd si spacca. Melgrati: “Montaldo si dimetta”

Liguria. ha concesso ai primari ospedalieri la possibilità di svolgere l’attività privata extramoenia, quindi niente più obbligo di lavoro privato intramoenia alle condizioni delle Asl e degli ospedali. La modifica delle norme è stata approvata grazie al voto congiunto di Pd e Fi.
Voto che ha confermato le divisioni della vigili all’intenro del Pd, dove contrariamente si sono il vicepresidente della Giunta e assessore alla Sanità Claudio Montaldo e l’assessore al Bilancio Pippo Rossetti.

Il Capogruppo di Forza Italia Marco Melgrati durante il Consiglio regionale ha chiesto le dimissioni dell’Assessore Montaldo: “Alla luce di come si è svolto il dibattito e la votazione sul documento, che portava anche la mia firma, il quale consentirà ai primari di svolgere attività privata sul territorio ligure evitando così a molti cittadini di dover andare fuori regione a farsi curare, approvato a maggioranza, con una parte di voti della Sinistra che si è spaccata, e con quelli di Forza Italia, di fatto si è certificato il fallimento della politica sanitaria messa in campo in questi dieci anni da Montaldo”.

“Il fatto che una larga parte della maggioranza di sinistra sia andata contro le indicazioni dell’assessore votando un documento rispetto al quale Montaldo aveva espresso parere sfavorevole, dopo la commovente arringa difensiva dello stesso Assessore a dicembre quando è stato presentato per la prima volta questo provvedimento e dopo l’intervento di questa mattina in Aula evidentemente Montaldo è stato sfiduciato e deve lasciare il suo incarico. Chiaramente la sinistra è spaccata e oggi stanno venendo al pettine tutte le contraddizioni interne alla compagine burlandiana che in questi anni, a causa dei dissidi interni, ha reso immobile la Liguria facendola diventare fanalino di coda delle regioni del Nord e una delle peggiori regioni italiane. L’intervento appassionato dell’assessore da ultimo dei comunisti, invece che ultimo dei moicani, è stato teso all’appiattimento della professione medica in puro stile political-bureau sovietico”.

“C’è bisogno di un vero cambiamento per ridare fiducia e speranza ai liguri, questo l’auspicio per le imminenti elezioni regionali di Maggio”, conclude Marco Melgrati.