Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Paita alle regionali con una sua lista civica: “La Liguria ha bisogno di una Genova più forte” fotogallery

"Quello che si sente oggi è un grande amore per Genova. Questo è il partito che ama Genova e che la vuole più forte"

Il Partito Democratico affronta il “caso” Genova, ripartendo dai programmi per far tornare a crescere la città. Lo fa con la conferenza programmatica “GenoVa Veloce”, in cui la candidata del centrosinistra alle prossime Regionali Raffaella Paita annuncia la creazione di una sua lista civica.

galattica 2015

“Sono aperta a un’alleanza con il centro – sottolinea Paita – bisognerà trovare un punto di sintesi. Molto dipenderà dalla prossima settimana, quando il Pd tenterà per l’ultima volta di abolire il listino e di provare a strutturare un’operazione sul premio di maggioranza. Lo spettacolo che sta dando il centrodestra è pessimo, il Pd vuole le preferenze, non i nominati, se qualcuno voterà contro il listino non farà parte della mia lista”.

Intanto, c’è da ricucire un rapporto proprio con il capoluogo, che alle recenti primarie ha nettamente preferito Sergio Cofferati. “Quello che si sente oggi – ha spiegato Paita – è un grande amore per Genova. Questo è il partito che ama Genova e che la vuole più forte, più grande. Il luogo naturale per portare un proprio contributo è il Pd perché rappresenta un’ampia sfera della società che non crede più nella suddivisione dei ruoli tra sinistra, centro, area moderata, ma che interloquisce con autorevolezza con tutta la società. Nessuna scelta che riguarda Genova può prescindere dal ruolo del Pd e Genova ha bisogno di questo grande partito”.

“Le altre province – ha concluso – hanno bisogno di una Genova forte per essere anche loro più forti. Questa unità politica non va in alcun modo rotta perché è la condizione per essere tutti più competitivi. Dobbiamo agganciare la ripresa che oggi c’è anche grazie allo straordinario lavoro del governo Renzi e portare un nostro contributo”.