Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Omicidio Borzonasca: tenta di uccidersi in carcere uno dei complici di Marietto Rossi

Era in isolamento in una cella singola

Genova. Ha cercato di uccidersi già due volte in carcere, Mario Ubaldo Caldaroni, uno dei complici di Marietto Rossi nell’omicidio di Giovanni Lombardi, avvenuto sabato a Borzonasca.

Caldaroni era, come gli altri arrestati, rinchiuso in isolento in una cella singola del carcere genovese di Marassi e, secondo quanto appreso, questa notte avrebbe cercato di impiccarsi con un lenzuolo. Intanto il sostituto procuratore Alberto Lari ha inviato un provvedimento urgente chiedendo il trasferimento di tutti i detenuti coinvolti nel delitto in altre carceri.

Il rischio sarebbe quello di evitare una vendetta da parte degli uomini di Giacinto Pino, accusato di detenzione e cessione di due chili di cocaina che avrebbe consegnato a Lombardi. Il gip Annalisa Giacalone, che lo ha interrogato in carcere, ha disposto la misura cautelare in cella. Per il magistrato sussistono gravi indizi di colpevolezza.