Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Mercato Sestri Ponente, Spatola: “Aspetto progetto concreto. Chiederemo parere ai cittadini” foto

Più informazioni su

Sestri Ponente. “Chi ha più di quarant’anni si ricorda le condizioni in cui era il centro storico. In quegli anni, ad esempio, il mercato si teneva in via D’Andrade e zone limitrofe, noi di certo non vogliamo tornare a quella situazione”. Giuseppe Spatola, presidente del Municipio VI Medio Levante, affronta nuovamente la questione del mercato rionale, dopo la commissione comunale di venerdì scorso.

Lo fa quando ancora non è stata fissata una data per l’annunciato sopralluogo (“Dovrebbe tenersi a breve, stiamo aspettando comunicazioni dall’assessore Piazza”) e dopo le polemiche degli ultimi giorni. “Dalla commissione – spiega il presidente – sarebbe emerso che sono tutti d’accordo sullo spostamento del mercato rionale, che attualmente si tiene tra via dei Costo e via Soliman”.

Tutti tranne il Municipio, “nemico del commercio”: “In realtà – prosegue Spatola – non è così: il nostro dissenso non è certo pregiudizionale e non siamo contrari ad un eventuale operazione di spostamento, ma il problema non è stato trattato in modo razionale”.

Tante ipotesi (dalla zona del Mercato del Ferro a piazza dei Micone) senza però mai arrivare ad progetto concreto. “Noi rimaniamo in attesa di una proposta concreta da parte dell’assessorato, corredata dei pareri tecnici necessari, da quello della Polizia Municipale a quello dell’Amt. Solo allora ci esprimeremo”. A quel punto il Municipio potrebbe chiedere ai residenti di esprimersi, perché “sono naturalmente parte in causa e noi dobbiamo tenere conto anche delle loro opinioni”.

Rimangono validi i requisiti già elencati venerdì scorso: la nuova sede dovrà permettere lo svolgimento del mercato in una situazione di sicurezza e di decoro, anche considerando il restyling a cui è stato ed è sottoposto il centro storico di Sestri Ponente. In attesa di Municipio e cittadini, la palla passa insomma al Comune, aspettando di capire se l’annunciato sopralluogo sarà capace di individuare una zona adatta.