Quantcast
Economia

Stati Generali Portualità, Merlo: ” Senza decisione chiara rischiamo paralisi dei porti”

Luigi Merlo

“Abbiamo discusso, le posizioni sono ancora molto diverse. Ma ora dobbiamo fare in modo di evitare una sconfitta per la comunità portuale italiana e quindi serve subito un provvedimento, una sintesi chiara e definita. Senza una decisione rischiamo la paralisi dei porti. Insomma, il governo e il parlamento discutano con le parti, ma alla fine, e presto, chiudano la partita”. Lo ha detto Luigi Merlo, presidente dell’Autorità portuale di Genova, agli Stati generali della portualità e della logistica di oggi a Roma.

“Il Sistema delle Autorità portuali così come è oggi – ha aggiunto Merlo – non funziona più, serve una riforma forte, che agisca sui modelli di funzionamento e che restituisca al ministero dei Trasporti la sua centralità. Non ci possiamo permettere che il ministero dello Sviluppo Economico parta con una sua posizione autonoma, come abbiamo recentemente visto sul ddl concorrenza, creando situazioni di conflittualità. E penso anche al caos che sta nascendo sulle prerogative delle Capitanerie. O agli ostacoli che ci troviamo dalla Sanità marittima in un campo così strategico e fortunato come quello del preclearing”.

“Vedo che ciascuno resta sulle sue idee – ha detto poi Merlo sulla riforma delle Authority – io dico che se prevale la visione locale di mantenere tutte le sedi di Autorità portuali, allora un coordinamento forte, come per esempio l’Agenzia nazionale, serve davvero”.

Infine Merlo ha voluto rispondere alla tesi del presidente dell’Autorità portuale di Venezia, Paolo Costa, per il quale l’immediato futuro dei traffici premierebbe l’Adriatico a scapito del Tirreno: “Tutti i dati, in realtà, compreso il record storico fatto da Genova nel 2014 con il +9,3% sui container, dicono il contrario. Lo scorso anno tutti i porti del Nord Adriatico, italiani e stranieri, hanno movimentato insieme quasi 400 mila teu in meno rispetto al solo porto di Genova”.