Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fondo sociale europeo 2014-2020, Pellerano (Liguria Libera): “Maggioranza allo sbando e senza numeri”

Regione. “Oggi in Commissione V la maggioranza, a guida Pd, ha dato una pessima prova di sé, indicativa della situazione di sbando totale in cui evidentemente si trova e del poco interesse che ha nei confronti delle politiche di interesse concreto per il futuro dei liguri”. Lo dichiara Lorenzo Pellerano, consigliere regionale candidato nella Lista Civica Liguria Libera, e vicepresidente della V Commissione Cultura, al termine della seduta di questo pomeriggio.

“All’ordine del giorno – spiega Pellerano – c’erano le audizioni sul Programma Operativo Regionale del Fondo Sociale Europeo 2014/2020: 350 milioni di risorse da destinare a investimenti per la crescita e l’occupazione nei prossimi 5 anni, un “tesoretto” importante per pianificare interventi e azioni a favore delle fasce più deboli della popolazione e contro la disoccupazione. Buona parte della maggioranza ha defezionato la seduta e solo grazie al senso di responsabilità della minoranza, che è rimasta in aula, la commissione non è stata annullata per mancanza del numero legale e si è quindi potuto procedere all’approvazione del provvedimento oggi all’esame”.

“Vorrei sottolineare che questo pomeriggio abbiamo avuto modo di ascoltare le istanze, utili e preziose, di tutte le parti sociali potenzialmente interessate: dalle associazioni datoriali ai sindacati, rappresentanti degli enti di formazione e del mondo cooperativo, Università di Genova e Anci. Un’occasione decisamente molto utile per prendere decisioni consapevoli e strategiche per il futuro della nostra regione. Defezionando la commissione di oggi la maggioranza ha sprecato un’occasione importante di confronto con i rappresentanti sociali e del territorio: un brutto segnale di scarso interesse sia verso i temi trattati, sia verso i soggetti invitati in commissione a dare il proprio apporto alla discussione su un tema strategico per pianificare interventi per i prossimi 5 anni. È difficile comprendere la scelta di disertare la commissione: quali argomenti sono più importanti nell’agenda politica dei gruppi di maggioranza rispetto alla lotta alla disoccupazione ed al disagio sociale?”.