Quantcast
Politica

Regionali, nasce Liguria Libera: da Pellerano a Morgillo una lista civica per il centro destra

Genova. Un “contenitore civico” nel centro destra con l’obiettivo di aiutare lo schieramento ad arrivare unito all’appuntamento delle Regionali. Si chiama Liguria Libera e fondarla sono il vicepresidente del Consiglio regionale, Luigi Morgillo, che lascia Forza Italia (“Un partito diventato Forza Silvio – dice – non è il mio modo di concepire un partito”), il consigliere di centrodestra, Lorenzo Pellerano (Lista Biasotti), e l’ex senatore Pdl Enrico Musso.

“Stiamo nel campo alternativo alla candidata del Pd Raffaella Paita – hanno chiarito Morgillo e Pellerano – vogliamo partecipare a una coalizione vincente con un candidato unitario”. E se al momento con il candidato della Lega Edoardo Rixi, e quello di Forza Italia Federico Garaventa quest’unità non sembra esserci l’obiettivo è proprio quello: “Penso che sia Rixi sia Garaventa vadano bene – spiega Pellerano – probabilmente però bisogna trovare un metodo nuovo e un candidato che vada bene a tutti partiti e che li metta d’accordo. Anche Liguria libera potrebbe portare dei nomi. La nostra proposta è di metterci a un tavolo e unirci perché invisi sicuramente non andiamo tanto lontano”.

“Molti non si riconoscono più nei partiti tradizionali – spiega Morgillo – e hanno bisogno di nuovi stimoli. Per questo Liguria Libera non è un partito, è un contenitore per dare ospitalità a tutti quelli che non si sentono più rappresentati in questo momento dai tutti i partiti che gravitano nell’arcipelago del centro moderato”.

“La sinistra si è spaccata – aggiunge Pellerano – e le primarie hanno creato grosse tensioni. Anche per questo il centro destra deve offrire un’alternativa unitaria”. L’obiettivo è quindi quello di creare “una forza completamente nuova che però ha il vantaggio di superare i limiti dei partiti tradizionali e di aggregare ancora di più”. Al lancio della lista c’erano il costruttore genovese Davide Viziano e il coordinatore di un comitato anti moschea, Felice Ravalli e l’avvocato Mario David Mascia. In arrivo in lista ci sarebbero anche esponenti comunali di Ncd.