Quantcast
Politica

Primarie centro sinistra, Burlando: “Polemiche sterili, ben vengano elettori nuovi”

Genova. “Il momento non è dei più esaltanti per la politica. In più ci abbiamo messo anche del nostro con polemiche abbastanza sterili. Ci siamo sempre lamentati quando scappavano gli elettori e ora ci lamentiamo perché ne vengono di nuovi? Francamente non lo capisco”. Il presidente della Regione Claudio Burlando, a margine del tradizionale incontro augurale di inizio anno con il cardinale Bagnasco, risponde così alle polemiche interne al suo partito in vista delle primarie dopo l’endorsement da parte di esponenti indipendenti o del centro destra ai due principali candidati. “Se un elettore o un cittadino ma anche un amministratore pubblico si è convinto che abbiamo fatto un buon lavoro e per questo lascia esperienze che considera sbagliate e superate e viene a votare per noi questo è un fatto positivo” dice Burlando.

Circa il rischio che il clima di veleni di questi giorni allontano gli elettori di centrosinistra, Burlando risponde: “Sinceramente non lo credo. Mi ricordo di aver visto alla Camera dirigenti storici del Pci nei banchi del centrodestra: li’ si che mi sono dispiaciuto. C’erano Rebuffa, Bondi, Pera, Vertone. Questo e’ un momento in cui abbiamo una presenza di vertice che attrae consensi nuovi e che fa discutere. Io spero che alle primarie vengano a votare tanti nostri elettori storici ma anche elettori nuovi. Anche Maurizio Rossi mi sembra un elettore abbastanza nuovo, storicamente non credo fosse proprio un elettore di sinistra”.

“Quindi vengano, ognuno si schieri per chi vuole e poi dal 12 chi ha vinto è il candidato di tutti – ricorda Burlando – perché alle primarie si fa così. E poi ci sarà il tempo anche per ricomporre qualche discussione e andare a votare per vincere questa Regione come facciamo da tanti anni a questa parte”.

Più informazioni