Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Preziosi furioso nel post partita, ma annuncia: “Arriva Borriello”

Genova. Un Preziosi furibondo si scatena nel post partita in collegamento con Sky, rea, secondo il presidente, di minimizzare sui torti subiti dal Genoa. I commentatori vogliono concentrarsi sul bel gioco dei rossoblù, ma il patròn interviene: “Peccato che c’è una classifica di mezzo… cinque gol irregolari in tre partite sono troppi. Nel calcio non vince chi gioca bene. I risultati sono inficiati, anche le tv nazionali devono sottolinearlo, perché se fosse capitato a un’altra squadra sarebbe stato diverso”. Per Preziosi il rischio è che il morale della squadra vada sotto i tacchi: “Anche la seconda ammonizione su Burdisso è esagerata!”. Dopo la partenza di Sturaro e Antonelli Preziosi annuncia l’ultimo colpo: ad arrivare sarà Borriello, mentre Matri è in partenza verso Torino sponda bianconera.

Anche Gasperini è sulla stessa linea del presidente: “Abbiamo fatto veramente una buona gara, se rimaniamo al calcio si può dire che siamo stati superiori in tutto alla Fiorentina, meritavamo di vincere ed è un peccato essere tre punti sotto di loro”.

Breve il commento tattico del mister sul match: “Ho messo Niang a sinistra e Iago a destra perché mi sembrava potessero dare più fastidio e così è stato”. Poi il riferimento agli errori: “Non è solo una protesta rivolta nei confronti degli arbitri, ma anche verso un certo tipo di informazione: non è possibile avere servizi di parte quando giochi con le grandi. Abbiamo visto come sono andate le partite di Coppa Italia, è chiaro che tutto questo dà fastidio. Capisco che il Genoa non ha il bacino di utenza delle altre, ma così si capisce perché la gente sta fuori dagli stadi”. Anche il ruolo di piagnone, non sta bene al mister: “Non vogliamo essere dipinti così, qui non si parla di episodi, ma di gol che hanno determinato i risultati, quindi i punti. Ai ragazzi ho detto che hanno fatto una grande partita e che abbiamo raccolto troppo poco”.

Qualcuno lo avvisa che Borriello è in arrivo, Gasperini sorride e chiede quanto manca alla fine del mercato: “Mercoledì con l’Entella vedremo tutti i nuovi arrivi. Questa è una squadra che gioca a calcio, che ha ritmo, dobbiamo trasmettere tutto questo a chi è arrivato e a chi arriverà. Sono dispiaciuto ma contento per Antonelli e Sturaro: “Quando un giocatore lascia il Genoa per una grande squadra è una vittoria per lui, per i suoi compagni, per la società”. Sembra quasi un copione da film, perché proprio in quel momento arriva Sturaro in sala stampa per salutarlo e l’effetto è inatteso: Gasperini si commuove e lascia la sala insieme al suo ormai ex giocatore, anche lui con gli occhi lucidi. Una scena bellissima che dimostra che il calcio non è un malato irrecuperabile.