Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Porto di Genova, Merlo al comitato portuale: “Se mia moglie diventerà presidente mi dimetterò

Genova. Il presidente dell’Autorità portuale di Genova, Luigi Merlo, ha comunicato formalmente oggi al comitato portuale la sua decisione, già annunciata, di dimettersi nel giorno dell’insediamento della nuova giunta della Regione Liguria, nel caso in cui la moglie, Raffaella Paita, candidata presidente alle elezioni del prossimo maggio, venisse eletta. “Avrei voluto comunicare direttamente e prioritariamente in questa sede la mia decisione, presa da tempo, ma ho dovuto anticiparla ai giornali a causa di una questione posta da altri, a mio modo di vedere in modo improprio e indelicato. In ogni caso – ha affermato Merlo –, ribadisco che nel caso in cui si determinasse questo esito elettorale, pur non essendoci alcuna incompatibilità tra le cariche, ma comunque in coerenza con il modo di interpretare gli incarichi pubblici e a uno stile che ha sempre caratterizzato il mio modo di essere, presenterò le mie dimissioni irrevocabili”.

Alla comunicazione ha fatto seguito un appello preciso: “Annuncio con forza questa mia decisione – ha spiegato –, anche per fare in modo che le istituzioni competenti possano operare in tempi opportuni per evitare una lunga fase di commissariamento”.

Infine, una rassicurazione: “La mia decisione non toglie e non toglierà nulla al mio impegno quotidiano dei prossimi mesi. Anzi, il mio impegno sarà raddoppiato per fare tutto ciò che è necessario per affermare la strategicità del porto di Genova e per garantire la conclusione dei progetti e le opportune risposte alla comunità portuale”. “Non passerò questi mesi con il freno tirato – ha concluso Merlo – ma, anzi impegnandomi con grande determinazione e forza: amo profondamente questo porto e penso che questo sia il modo migliore per onorarlo, sottraendolo da ogni possibile strumentale polemica politica. Ho grande rispetto per la sua straordinaria comunità che merita di avere garanzie su una continuità di guida coerente con i grandi risultati che lavorando assieme abbiamo ottenuto e che possono essere ottenuti”.