Quantcast
Sport

Pallanuoto, Champions League: la Pro Recco affonda il Barceloneta

Recco. Secco e perentorio: Barceloneta 7, Pro Recco 15. Ora la classifica del girone A del preliminary round parla chiaro: Pro Recco 12, Eger 7, Brescia 5, Olympiacos 4, Radnicki Kraguejvac 3, Barceloneta 2

Parte subito forte la squadra ligure, intenzionata a mandare in archivio la pratica spagnola già dai primi minuti. Pietro Figlioli scatta sulla palla e, neanche a dirlo, la fa sua: da qui il primo attacco biancoceleste e la prima rete recchelina firmata Filip Filipovic. E se l’iniziale superiorità numerica conquistata dalla Pro non viene concretizzata, la seconda è tutt’altra storia. Dopo un rapido giro di palla Jokovic vede Ivovic libero sul palo, lo serve, e il numero 11 montenegrino non può fare altro che depositare la sfera alle spalle di Pinedo per il 2 a 0 Pro Recco.

Il Barceloneta attacca ma il muro alzato da mister Milanovic davanti a Tempesti tiene bene e anche con l’uomo in meno, passare, è davvero difficile per i padroni di casa. Ed è proprio sugli sviluppi di un’azione in più degli spagnoli che il sette biancoceleste in acqua ruba la sfera permettendo a Pietro Figlioli di volare verso la porta del Barceloneta e violarla per la terza volta.

Il poker è nell’aria e viene concretizzato a un minuto dalla sirena del primo tempo, quando Maurizio Felugo con un “no-look” più cestistico che pallanuotistico serve Andrea Fondelli sul palo. E’ il 4 a 0 per la Pro Recco su cui si conclude il primo parziale.

Il secondo quarto si apre ancora una volta con Figlioli vincente allo scatto e con la superiorità numerica in attacco della Pro; incipit facsimile del primo con Pijetlovic che dal palo va a siglare lo 0 a 5 in favore della squadra allenata da Igor Milanovic.

Il pressing studiato e messo in pratica dai biancocelesti, filosofia di gioco del tandem serbo, non consente al Barceloneta di palesarsi agli occhi di Tempesti e, fatta eccezione per qualche tiro dalla lunga distanza, le polveri dei padroni di casa oggi sono bagnate come non mai; per quasi due tempi nessuno può violare la rete difesa da Tempesti. Il primo a riuscirci è Roca che dalla distanza riesce a superare il numero 1 e capitano della Pro Recco.

Nel finale di parziale il Barceloneta prova l’assedio. con il tentativo di accorciare il gap e rientrare, tirando da ogni angolo della vasca ma Tempesti para, Figlioli e Felugo più volte respingono e poi soffocano la sfera del potenziale secondo gol iberico. Il focolaio gialloblù, tuttavia, non ha lunga vita e viene immediatamente domato dalla reti di Pijetlovic “in più” e da una bordata di Ivovic dalla distanza. Le due squadre vanno al riposo lungo sul parziale di 1 a 7 per la Pro Recco.

Il primo gol in superiorità numerica arriva dopo sedici minuti di gioco quando su un’espulsione fischiata ai danni di Pijetlovic, Espanol va a siglare il secondo gol casalingo. La risposta recchelina arriva però immediatamente con Prlainovic e con una rete di precisione balistica da parte di Maro Jokovic. Dopo una circolazione di palla perfetta a uomo in più, messa in pratica dal duo Felugo Figlioli, il numero 3 croato buca sull’angolo lungo il portiere Pinedo. C’è tempo ancora per assistere ai gol di Tahull e Roca per il Barceloneta e le segnature di Ivovic, Figlioli e Filipovic (su rigore) prima della sirena del terzo set.

L’ultimo tempo si apre con il colpo di coda dei padroni di casa che con Sziranyi e di nuovo Tahull provano a limitare i danni, ma la Pro non si ferma e con due superiorità numeriche firmate Jokovic e Prlainovic si va sul 7 a 14 per i biancocelesti. A chiudere le danze, infine, ci pensa Massimo Giacoppo che dopo un’azione in solitaria si libera prima del difensore e poi del portiere Pinedo andando a siglare il definitivo 7-15.

Il tabellino:
CN Atlétic Barceloneta – Pro Recco Waterpolo 1913 7-15
(Parziali: 0-4, 2-3, 3-5, 2-3)
CN Atlétic Barceloneta: Pinedo, Sziranyi 1, Montano, Gimenez, Espanol 1, Minguell, Roca 2, Echenique 1, Ubovic, Fernandez, Lopez Escribano, Tahull 1, Linares. All. Jesus Martin.
Pro Recco Waterpolo 1913: Tempesti, Pijetlovic 2, Jokovic 2, Figlioli 2, Giorgetti, Felugo, Giacoppo 1, Prlainovic 2, Fondelli 1, Filipovic 2, Ivovic 3, Gitto, Pastorino. All. Igor Milanovic.
Arbitri: Spiegel (GER) e Koryzna (Pol). Delegato Len: Racine (Sui).
Note. Superiorità numeriche: Barceloneta 2 su 9, Recco 7 su 11 più 1 rigore segnato. Uscito per limite di falli: Roca nel quarto tempo.

Il prossimo incontro, valevole per il 5° turno, si giocherà mercoledì 11 febbraio: Pro Recco contro Brescia.