Quantcast
Sport

Nuoto, “Trofeo Aragno”: si chiude un’edizione stellare con una forte impronta femminile

Genova. Chi afferma che il mondo del nuoto è triste e serio non è mai stato al “Trofeo Aragno”. La meglio gioventù del nuoto giovanile italiano si è data appuntamento a Pra’ e per due giorni ha colorato ed emozionato l’Acquacenter I Delfini.

Frantumati i record, quelli relativi ai numeri della manifestazione e quelli legati al cronometro. Tempo e spazio per tutto e tutti. Per gli atleti, i tecnici, le famiglie a seguito, gli organizzatori, le autorità sportive e politiche intervenute.

Ci sono stati il nuoto ed il grande cuore della pallanuoto che ha devoluto l’intero ricavato della vendita del calendario ad Alemante Friends, l’inaugurazione del sollevatore donato all’impianto proprio dagli Alemante, la commozione mista a rabbia per il ricordo di due amici che non ci sono più, Alessio Stefanelli e Mattia Medici.

Per la classifica società ha primeggiato la Rari Nantes Torino, davanti a Centro Nuoto Torino, Nuotatori Torinesi, Rappresentativa Ligure.

Un’edizione al femminile perché le più grandi soddisfazioni sono arrivate dal nuoto in rosa ed in particolare dai talenti nostrani, Tarzia e Musso, che hanno migliorato i personali ed i record della manifestazione.

Claudia Tarzia difende i colori del Genova Nuoto. Oro agli Europei Juniores, poi tre podi assoluti agli italiani. A febbraio compirà 18 anni; bella e umile ma quando entra in acqua si trasforma, lo ha dimostrato anche al “Trofeo Aragno”. “Sono molto contenta anche se volevo scendere ancora – dichiara -. L’obiettivo del 2015 ritoccare i miei personali e magari salire sul podio agli Assoluti di aprile. Una dedica particolare alla mia famiglia, mamma Stefania, papà Giancarlo, mio fratello Davide, il mio fidanzato Roberto, anche lui nuotatore, i miei allenatori Mara, Davide e Nicolas. Perché vengo qui? Perché è una bella manifestazione, perché qui ho fatto sempre i miei personali, è diventato un appuntamento fisso”.

Erica Musso è tesserata per l’Amatori Nuoto Savona. Un argento nei 200 stile ed un bronzo nei 400 stile agli ultimi campionati italiani, oggi è stupita per come ha nuotato. “Ho avuto l’influenza fino a due giorni fa – spiega -, pensavo di non riuscire nemmeno ad arrivare in fondo ai 400 invece è andata bene. Nei 200 misti ho migliorato di tre secondi, nei 200 stile e nei 400 tempi abbastanza buoni, considerando il periodo. Perché partecipo a questo trofeo? Perché è bello, mi diverto, ed è ben organizzato. Il mio obiettivo per il 2015 è fare i tempi per le Universiadi, ci tengo tanto. La dedica è per la mia mamma, Anna, che mi sta sempre vicina, mi cura, mi manda la sua energia, anche quando non è presente”.

Grande soddisfazione da parte degli organizzatori. Stefano Pitale, presidente del G.S. Aragno, afferma: “Siamo molto soddisfatti. Ringraziamo gli amici della squadra di pallanuoto perché siamo riusciti a donare più di 1.700 euro agli Alemante per l’acquisto di un macchinario per la diagnosi delle leucemie ed un ringraziamento particolare va all’Alemante che hanno donato a noi un sollevatore per la vasca baby. Siamo stanchi ma pronti per la prossima edizione”.

Antonio Lucia, responsabile del settore nuoto del G.S. Aragno, chiosa: “Siamo molto contenti, un’edizione stellare. Anche quest’anno abbiamo dovuto chiudere le iscrizioni in anticipo: cinquecento iscritti in più e nonostante tutto abbiamo rispettato i tempi. E’ diventato un ottimo appuntamento a livello giovanile con qualche punta anche a livello assoluto. Possiamo senza dubbio definire questa edizione al femminile: le migliori prestazioni delle stelle liguri quelle di Claudia Tarzia del Genova Nuoto e di Erica Musso dell’Amatori Savona; ad entrambe piace molto questa vasca, mi hanno detto, perché è molto veloce”.

“Per Erica – prosegue Lucia – un ottimo tempo, 4’09 nei 400 stile, e per Claudia 2’11″99 nei 200 stile, che non è la sua gara, con la sua miglior prestazione, e nei 100 stile il record regionale assoluto con 59″05. Tra i maschi bene Fava della RN Torino, ottimo dorsista, la ‘combinata Stefanelli’ però l’ha vinta il suo compagno di squadra Ponzio. Ancora Torino per la ‘combinata Mattia Medici’, conquistata da Menchini della società CN Torino nei 100 e 200 stile. Sarà invece il Forum Assago a non pagare l’iscrizione il prossimo anno. Qui non ci pesa niente; stamane abbiamo fatto colazione tutti insieme alle 5, sono felice di essere cresciuto in questa società”.

Marco Ghiglione, direttore del G.S. Aragno, conclude: “Il risultato finale era davvero inatteso. Un grande impegno ed è andato tutto bene. I ringraziamenti sono per tutto lo staff, al Gruppo Ufficiali Gara, ai Cronometristi, all’Associazione Prà Viva, alla società Aragno. La città ha risposto, le istituzioni sono intervenute, è stato tutto molto emozionante. Appuntamento a gennaio 2016, un’edizione col botto, coinciderà con i 70 anni della società. Sarà su tre giorni, separeremo le distanze: un trofeo nel trofeo”.

Per lo streaming e le foto è possibile consultare il sito www.gsaragno.com.

Nelle foto: Tarzia e Musso con Lucia e Ghiglione; una panoramica della piscina.

Più informazioni