Quantcast
Politica

Gronda, consiglio comunale sospeso nella notte: si torna in aula domani fotogallery

Genova. Il Consiglio comunale di Genova, chiamato a votare la delibera della Giunta Doria sulla partecipazione dell’Ente alla Conferenza dei servizi per la costruzione della Gronda di Ponente, è stato sospeso intorno all’1.30, dopo circa 11 ore di lavori. La Conferenza dei capigruppo ha infatti concordato di riprendere la discussione domani, giovedì 15, alle 9.30.

Sono 1017 gli ordini del giorno presentati in gran parte da M5S, Fds e Sel per fare ostruzionismo al voto sulla delibera. La maggioranza di centrosinistra che governa Genova è spaccata: metà della Lista Doria, il movimento che sostiene il sindaco Marco Doria, FdS e un consigliere Sel sono contrari all’opera, mentre il Pd è favorevole come l’opposizione rappresentata da Forza Italia, Lista Musso, Lega Nord, Udc.

Il Pd è convinto di avere i numeri sufficienti per far approvare la delibera senza bisogno della ‘stampella’ dell’opposizione. Se almeno 3 consiglieri su 6 della Lista Doria voteranno a favore insieme ai 12 consiglieri del Pd, a un consigliere di Sel, a 3 del Gruppo Misto, più il sindaco Marco Doria e il presidente dell’assemblea Giorgio Guerello, la delibera della giunta Doria sulla Gronda avrà 21 voti a favore su 40, ha spiegato il
capogruppo Pd Simone Farello.

Ieri, per tutta la riunione del Consiglio, i grillini hanno fatto ostruzionismo presentando centinaia di ordini del giorno ed emendamenti.