Quantcast

Gaslini, la denuncia dell’Usb: “Turni massacranti e rischio di errore elevatissimo. Assunzioni subito”

gaslini

Genova. “Turni massacranti, dipendenti sotto organico nei reparti, rischio errore elevatissimo. Da troppo tempo chiediamo alla politica ligure di intervenire urgentemente sulle assunzioni”. Questa la denuncia dell’Usb sulla situazione all’ospedale Gaslini di Genova.

“A giugno 2014 si era trovato l’accordo per l’assunzione di 12 infermiere e 5 Oss di cui si sa più nulla e nel frattempo altri lavoratori hanno raggiunto l’età pensionabile e non si sta facendo nulla per rimpiazzarli. Molte volte le infermiere si ritrovano da sole in turno ad assistere bambini con gravi patologie e vengono utilizzati sistematicamente ordini di servizio per obbligarle a fare doppi turni – si legge in una nota – La formazione obbligatoria è svolta negli unici giorni di riposo, quando per legge dovrebbe svolgersi in orario di servizio”.

L’Usb precisa che l’iter burocratico per le assunzioni è inoltre molto lungo e se non si comincia subito questa gravissima carenza di organico si protrarrà per molto tempo. “A peggiorare la situazione una pessima organizzazione del lavoro che causa ulteriori malesseri e dispendio di soldi pubblici – conclude il sindacato – In una visione miope, ormai lontana anni luce dai problemi reali e che ormai vede solo il pareggio di bilancio come motore della vita, non ci si accorge che una politica simile porta a maggiori costi tra denunce (per cui vengono poi elargiti migliaia di euro soldi pubblici ad avvocati esterni), infortuni, malattia e vertenze”.

Più informazioni