Politica

Elezioni regionali, Rixi o Garaventa? Dal centrodestra appello all’unità: “Questa volta possiamo davvero vincere”

Liguria. Dopo la debacle delle primarie del Pd, il centrodestra intravede all’orizzonte una possibilità di vittoria alle prossime elezioni regionali e quindi dai consiglieri parte un appello all’unità.

“Ho conosciuto Garaventa e credo sia un buon candidato, come ritengo che Rixi meriti la candidatura, ma la cosa più importante è che il buon senso porti il centrodestra a trovare un’intesa – dichiara il consigliere di Forza Italia, Marco Scajola – Il centrosinistra è chiaramente in difficoltà ed è probabile che si presenti con due coalizioni, errore che noi non dobbiamo fare. Non bisogna pensare alle casacche, ma al bene della Liguria, che si può trovare solo correndo uniti perché questa è la volta buona per poter vincere”.

Più radicato sulle proprie posizioni è Matteo Rosso, sempre di Forza Italia. “Sono convinto che Rixi possa essere un candidato forte e combattivo, un uomo che non ama gli inciuci, anzi li detesta – dice – Con lui possiamo vincere il burlandismo e mi auguro con tutto il cuore che anche Forza Italia voglia convergere sul suo nome, altrimenti io dovrò prendere strade diverse. Garaventa è una persona certamente per bene, ma che non vedo come candidato alla presidenza. Spero comunque che si possa correre tutti insieme per vincere le prossime elezioni”.

Anche per Luigi Morgillo l’obiettivo primario è l’unità. “Dobbiamo vincere per liberare la Liguria dall’oppressione del Pd e al di là delle simpatie, dimostreremo di essere capaci di trovare una quadra e quindi un candidato comune – spiega – Ovviamente la decisione spetta ai due partiti più grandi, Forza Italia e la Lega”.

Stessa lunghezza d’onda per il consigliere di Forza Italia, Roberto Bagnasco. “Non è concesso dividersi – dichiara – per me vanno bene entrambe i candidati, ma oggi ci sono le condizioni concrete e reali per vincere, quindi l’unica soluzione è restare uniti”.

Nelle prossime settimane, quindi, il centrodestra dovrà trovare una quadra, ma le posizioni dei consiglieri regionali sono chiare già da ora.