Quantcast
Cronaca

Bolzaneto, rubato e poi ritrovato: il defibrillatore torna alla Croce Bianca

Bolzaneto. Manca del materiale, ma il defibrillatore donato alla Croce Bianca di Bolzaneto è tornato “a casa”. Ritrovato questa mattina dopo ore di sdegno ed apprensione per un gesto inqualificabile.

Era stato proprio uno dei medici in servizio presso la Croce di Via C. Reta, a denunciare ai carabinieri che qualcuno nella notte, aveva portato via il defibrillatore da strada del valore di 1.000 euro. Immediato il tam tam su Facebook per richiedere l’aiuto di tutti.

“Se qualcuno avesse visto qualcosa lo comunichi a me o comunque presso la Croce Bianca Bolzaneto – l’appello sulla pagina Facebook della pubblica assistenza – È un apparecchio che momentaneamente non saremmo in grado di ricomprare immediatamente. Per installare la colonnina ci sono voluti mesi e mesi di attesa per una risposta. Per non parlare dell’energia elettrica visto che ha il controllo della temperatura..Per la telecamera si provvederà a fare una nuova richiesta prossimamente… ma tutto ha un costo…”.

E immediata è stata anche la solidarietà dei genovesi che hanno condiviso l’annuncio, “gridando” alla vergogna. Un’associazione si era anche attivata per donare alla delegazione un nuovo defibrillatore. Poi, per fortuna, è arrivata la buona notizia: “E’ stato ritrovato il defibrillatore, manca del materiale all’interno ma comunque è andata bene – scrive la Croce Bianca stamani – a nome di tutta la pubblica assistenza Croce Bianca di Bolzaneto ringrazio chi non ha esitato ad aiutarci in ogni modo”.

Più informazioni