Quantcast
Sport

Basket, Serie A2: al via la poule Promozione, l’aLmore ospita la Piramis Torinorisultati

AlMore Genova Vs Mercede Alghero

Genova. In previsione della poule Promozione per la Serie A1 si sono registrati, nelle ultime settimane, consistenti movimenti di mercato in Serie A2, con importanti arrivi dalla massima serie.

Federica Tognalini, proveniente dalla Dike Napoli, si è trasferita al Geas di Sesto San Giovanni; Federica Brunetti, proveniente dal Cus Cagliari, si è trasferita alla Magika Castel San Pietro, mentre Ada Puliti, proveniente dalla Virtus Spezia, e Madalene Ntumba, proveniente dalla Dike Napoli, si sono trasferite alla Piramis Torino.

Tutte operazioni che stanno a confermare le concrete ambizioni di Serie A1 per queste tre formazioni, due delle quali sono inserite nel girone comprendente l’aLmore Genova che esordirà domenica 1 febbraio alle 18,30 al PalaDonBosco, proprio contro le torinesi.

Una formazione, quella guidata da Lele Petrachi, che negli ultimi mesi si è trasformata da ottima squadra a vera e propria corazzata. Infatti la Piramis, che aveva raggiunto nella scorsa stagione la finale per la Serie A1 (sconfitta da Trieste che aveva eliminato proprio le genovesi in semifinale), non solo non ha perso i suoi “pezzi pregiati”, ma ha inserito nel corso dell’estate pezzi da novanta quali Elena Riccardi (capitana della formazione di Battipaglia, salita in Serie A1) e Brianne O’Rourke, play americana con lontane origini italiane che sta viaggiando a 15 punti/partita.

Conclusa la prima fase al primo posto in classifica con una sola sconfitta (unitamente a Ferrara la miglior performance dell’intera Serie A2), la società torinese ha aggiunto, sempre senza cedere sue giocatrici, il play Puliti e l’ala Ntumba, in Serie A1 fino a pochi giorni fa.

Sulla carta, quindi, e senza fare riferimento ai precedenti “storici” (nei suoi sette anni di attività solo una vittoria con le torinesi…), il risultato sembrerebbe già scritto, con l’aLmore Genova che non solo non ha aggiunto nuove risorse alla sua formazione ma che deve, per giunta, rinunciare per diverse settimane ancora ad una giocatrice importante come Alessandra Visconti.

Coach Grandi però non si scompone. “Se quello che dice ‘la carta’ fosse sempre inoppugnabile, sarebbe inutile fare sport – dice -. La nostra squadra, e dovrei dirlo con la S maiuscola, non vuole fare la parte della comparsa, aldilà delle difficoltà contingenti. Siamo arrivati a questo punto, cioè il raggiungimento del primo obiettivo stagionale, grazie ad otto vittorie, sette delle quali conseguite dal mio predecessore Vaccaro cui va sicuramente riconosciuta una consistente parte del merito. Nelle ultime settimane abbiamo dovuto ‘cambiare pelle’ alla squadra, e nell’ultimo turno contro Selargius ho avuto riscontri più che positivi. Il calendario non ci aiuta; dopo l’esordio contro la squadra più completa del girone avremo ben quattro trasferte in cinque settimane e questa sarà una difficoltà in più. Noi però siamo consapevoli delle nostre qualità, se saranno sufficienti a farci sognare fino in fondo lo scopriremo vivendo”.

Quindici giorni fa, nell’incontro di stagione regolare, le piemontesi riuscirono a prevalere solo nei minuti finali, recuperando alle rosanero uno svantaggio in doppia cifra. E’ probabile che facendo riferimento alle qualità della sua squadra, coach Grandi stia pensando ancora a quella partita, la migliore giocata dall’aLmore Genova. Basterebbe allungare, di qualche minuto, quanto prodotto in quei primi 35…