Quantcast
Sport

Basket, C nazionale: dopo il successo di Trecate il Cus Genova torna a giocare sul campo di casarisultati

Cus Genova Basket

Genova. La prima partita casalinga del 2015 vede il Cus Genova opposta alla Poli Opposti Rosmini Domodossola, formazione terza in classifica con 10 vittorie e 4 sconfitte, una delle quali, l’unica casalinga, inflittale proprio dai biancorossi genovesi nella partita di andata.

Proprio dalla partita di andata bisogna partire per presentare questo incontro. Ad ottobre il Cus Genova salì a Domodossola reduce da due sconfitte consecutive, in un’infrasettimanale a causa del rinvio della partita per l’alluvione, con soli nove effettivi a referto, contro una delle formazioni più quotate dell’intero campionato. I genovesi sfoderarono una prestazione eccezionale per cuore e gioco e riuscirono a conquistare la prima vittoria del campionato dando il via al filotto di cinque vittorie consecutive che ha segnato il girone d’andata più che soddisfacente degli uomini di Maestri.

Pur soffrendo la coppia Raskovic-Realini (autori di 49 punti in due), i biancorossi riuscirono a imporre il proprio ritmo e la propria pallacanestro strappando una partita rimasta a lungo in equilibrio e infliggendo appunto ai biancoblù ossolani quella che finora è l’unica sconfitta sui legni del palasport del Liceo Spezia.

Rispetto alla partita di andata il Cus recupera i due lunghi Patria e Meroni che ad ottobre erano assenti per infortunio, avendo perciò un tonnellaggio più elevato rispetto agli ossolani. La differenza di stazza è forse la caratteristica che può volgere la partita in favore di una o dell’altra squadra. Il Cus ha vantaggio fisico vicino a canestro dove Domodossola non ha pivot di ruolo ma giocatori più leggeri e versatili che possono giocare dentro e fuori (tra cui il capocannoniere del campionato a 22.1 punti di media Marko Raskovic); tra le guardie invece, spicca la fisicità di Realini (primo nella classifica delle palle recuperate con 3,2 per gara) che, se non limitato, può far pendere la bilancia dell’incontro dalla parte dei piemontesi.

Ottima anche la coppia di playmaker, Foti (secondo nella classifica degli assist con oltre 5 passaggi smarcanti a partita) e Cerutti, che all’andata non avevano disputato la loro miglior partita ma che garantiscono un alto tasso di classe e affidabilità alla squadra allenata da coach Morganti.

Dopo aver aperto l’anno con la vittoria sul campo, fino ad allora imbattuto da 20 partite, di Trecate, un’altra partita contro un avversario tostissimo aspetta i biancorossi genovesi che dovranno dimostrare di aver acquisito quella continuità di rendimento, prestazioni e risultati che avevano smarrito nel mese di dicembre.

Appuntamento sabato 17 gennaio alle ore 18,15 al PalaCus di via Francesco Gambaro ad Albaro.