Quantcast
Cronaca

Arenzano, il restauro di Villa Mina e del parco: fine lavori a dicembre 2015

arenzano villa mina

Arenzano. “E’ un bell’intervento quello di Villa Mina, storica proprietà nel centro del paese, di cui si recupera anche il parco, oltre che un certo numero di alloggi”. Lo ha detto il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando presentando in conferenza stampa dopo la seduta di giunta i lavori per il recupero di villa Mina e del parco ad Arenzano, insieme con gli assessori Giovanni Boitano, Regione Liguria, e Filippo Lo Nigro, Comune di Arenzano.

L’opera è stata commissionata dal comune di Arenzano per un importo complessivo di 2 milioni 676 mila euro, provenienti da fondi statali (1 milione 153 mila euro), da fondi regionali (346 mila 154 euro) e da fondi comunali (1 milione 176 mila euro). I lavori, iniziati nel novembre 2010, si concluderanno a dicembre 2015.

Villa Mina è un edificio storico vincolato, risalente al 1928. E’ un esempio di Arte Floreale (Art Nouveau) con un giardino/parco di inizio ‘900, costruito sullo stile dell’adiacente giardino di Palazzo Pallavicino, di particolare interesse per i numerosi alberi monumentali secolari (lecci e cipressi), con viali di passeggio delimitati da cunette realizzate in mosaico genovese (risseu).

Il programma di riqualificazione di Villa Mina vuole rivitalizzare un’area del centro di Arenzano, di fronte alla Chiesa parrocchiale, attraverso il risanamento e la ristrutturazione dell’edificio destinato ad abitazioni, e attraverso l’apertura al pubblico del giardino, situato a metà tra i quartieri residenziali della zona a monte di Arenzano e la parte più centrale, vicina al mare. L’intero complesso è di proprietà comunale. Attraverso l’opera di restauro, di risanamento conservativo e di adeguamento sono stati recuperati quattro appartamenti in via Cesare Battisti da affittare a canone moderato E.R.S. e otto abitazioni in via Zunino (ai civici 2 e 4) del patrimonio ERP del Comune, già assegnati e abitati, oltre a 2 centri di aggregazione sociale. I lavori di recupero del parco sono ormai in fase di ultimazione e se ne prevede l’apertura al pubblico nella prossima primavera.

Più informazioni