Quantcast
Cronaca

Amiu, Luciano Di Noto nuovo responsabile Prevenzione e Corruzione. Doria: “Massima trasparenza”

Cronaca

Genova. Luciano Di Noto (già Procuratore Generale aggiunto presso la Corte Suprema di Cassazione) sarà il nuovo Responsabile della prevenzione della corruzione di Amiu.

Di Noto, nel corso di un incontro avvenuto nei giorni scorsi con il sindaco Marco Doria, ha accettato l’incarico propostogli nelle scorse settimane dal Presidente Amiu Marco Castagna di coordinare la struttura aziendale che si occuperà di dare attuazione al “Piano triennale della corruzione” Amiu (ai sensi della legge 190/2012), Piano approvato dal CdA dell’Azienda nelle sue linee generali nel mese di settembre dello scorso anno.

La nomina sarà formalizzata nel corso del prossimo CdA, previsto il prossimo 21 gennaio. “Non nascondo che l’incarico come mi ha colto di sorpresa, mi ha raggiunto anche con una certa sensazione di perplessità e preoccupazione. Ho incontrato il problema della corruzione in singoli casi giudiziari e questo tema è sempre stato il mio chiodo fisso negli interventi come Procuratore generale alle varie inaugurazioni dell’Anno giudiziario. Affrontarlo adesso come parte incaricata di predisporre ed inventare mezzi idonei per riconoscere, prevenire e combattere sul nascere ogni rischio di corruzione dall’interno di un organismo, oltre che un impegno delicato, mi appare molto impegnativo, attesochè la sempre auspicata ‘questione morale’, il percorso di etica e legalità non sembra abbia fatto grandi passi. Ringrazio peraltro per la fiducia e risponderò con il mio impegno abituale”, dichiara Di Noto.

Il ringraziamento arriva dal sindaco Marco Doria. “Ringraziando il dottor Di Noto per avere accettato questo incarico, sottolineo come ciò si leghi all’azione che Amiu intraprende per garantire la massima trasparenza e regolarità di ogni suo atto”.

“Siamo ovviamente onorati del fatto che il dottor Di Noto abbia deciso di partecipare attivamente al processo di riorganizzazione e crescita strutturale dell’Azienda, portando un contributo di altissimo livello in un ambito così delicato quale quello della prevenzione della corruzione”, afferma il Presidente di Amiu Marco Castagna.

Tra i tanti e delicati compiti del Responsabile della prevenzione della corruzione vi sono quello di definire le procedure appropriate per selezionare e formare i dipendenti destinati ad operare in settori particolarmente esposti alla corruzione, verificare l’effettiva rotazione degli incarichi negli uffici preposti allo svolgimento delle attività nel cui ambito è più elevato il rischio di corruzione, oltre ad individuare il personale da inserire nei percorsi di formazione sui temi dell’etica e della legalità.