Quantcast
Cronaca

Alluvione Genova, oltre 400 parti offese: nel mirino della Procura la chiusura della sala operativa

Alluvione a Genova, nuovi temporali e volontari al lavoro

Genova. Nei prossimi giorni la Procura di Genova farà il punto sull’alluvione che ha colpito il capoluogo ligure lo scorso ottobre causando una vittima e milioni di euro di danni. E se l’indagine per omicidio e disastro colposo condotta dai pubblici ministeri Patrizia Ciccarese e Gabriella Dotto, è ancora contro ignoti, a breve dovrebbero arrivare le prime iscrizioni nel registro degli indagati.

Nel mirino della procura, che ha acquisito i bollettini meteo dell’Arpal e li ha fatti comparare con altri modelli di previsione, c’è soprattutto la scelta di chiudere la sala operativa della Protezione civile alle 18 nonostante il livello di attenzione per forti temporali.

Intanto, secondo quanto appreso, sarebbero oltre 400 le persone offese intenzionate a costituirsi parte civile nel processo: si tratta soprattutto di commercianti e proprietari di auto e box che hanno subito ingenti danni a causa dell’esondazione del Bisagno.