Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sestri Levante, il Patto d’area in consiglio comunale: “Un progetto per il futuro della città”

Più informazioni su

Sestri Levante. L’Amministrazione Comunale di Sestri Levante ha tra i propri obiettivi la tutela del commercio del territorio, fondamentale per la salvaguardia del tessuto sociale, della vivibilità e del mantenimento dei livelli occupazionali, con particolare attenzione alle imprese commerciali ed artigianali. Per questa ragione ha ritenuto opportuno portare avanti, in collaborazione con Regione Liguria, Camera di Commercio di Genova, Ascom e il CIV “I carruggi di Sestri Levante” il progetto del patto d’area che ieri sera, martedì 16 dicembre, è approdato in Consiglio Comunale.

Si tratta della stipula di un accordo a cui potranno aderire i proprietari di locali ad uso commerciale ed artigianale nelle vie del centro storico, in forza del quale il Comune si impegna a ridurre le imposte locali (IMU e COSAP) del 20% e a non richiedere oneri urbanistici di sua competenza ai proprietari di locali che, aderendo al Patto, concorderanno canoni di affitto ridotti di almeno il 20% rispetto a quelli stabiliti nell’ultimo contratto registrato, per un minimo di 6 anni.

Sono già stati individuati due proprietari di immobili che aderiranno al Patto il quale, tra l’altro, è stato approvato dalla Giunta Regionale venerdì 05/12 u.s.. Si sta lavorando inoltre con Confesercenti per stipulare a breve un altro Patto d’Area in via Nazionale.

Il Sindaco di Sestri Levante, Valentina Ghio: “Si tratta di un risultato importante a cui l’Amministrazione tiene molto poiché coinvolge il tessuto economico della città e, in conseguenza, ha un impatto anche su quello sociale. La collaborazione con gli altri soggetti coinvolti è stata proficua e ha consentito di creare un gruppo di lavoro concreto ed efficace nel portare avanti e costruire questo progetto finalizzato allo sviluppo delle attività commerciali ed artigianali della città.”