Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Preziosi: “Banti? Una iattura”

Più informazioni su

Genova. “Una iattura” così il presidente Preziosi definisce l’arbitro Banti dopo la sconfitta per 0-1 contro la Roma. “Nessun giudizio sui meriti o i demeriti della sua direzione – precisa il patron rossoblù – ma le statistiche dicono questo: quando è lui ad arbitrare il Genoa non facciamo punti”. Nessun dubbio sull’episodio che ha provocato il rigore e l’espulsione: “Peccato per questa regola del rosso diretto – si rammarica Preziosi – 11 contro 11 sarebbe forse andata diversamente”. Con il calcio mercato ai nastri di partenza Preziosi rassicura: “Non distruggeremo quanto abbiamo costruito, a gennaio ci siamo sempre rinforzati e sarà così anche quest’anno”. La scaramanzia e i riti non sono monopolio di Ferrero, anche Preziosi ha le proprie credenze: “Oggi mi sono cadute due gocce d’olio fuori dal piatto e ho pensato che questa partita sarebbe stata difficile da vincere”.

I complimenti al Genoa arrivano anche da Garcia: “Il Genoa non è terzo per questioni di fortuna, corre tanto, fa molto pressing, abbiamo costruito squadra per rispondere tatticamente”.

“Per com’è andata la partita è ovvio che la Roma abbia creato di più – dice Gasperini – la partita è diventata brutta dopo l’espulsionee non ha fatto bene al calcio, avremmo avuto la forza di fare una bella gara. Il fallo di Perin poteva anche non essere da espulsione, quello che non va è che viene lasciato troppo spazio all’interpretazione dell’arbitro su questa regola. Questo è stato un episodio pesante, ma ce ne sono stati altri, come tutta la gestione della gara. Poi magari la Roma avrebbe potuto comunque vincere, ma almeno avremmo potuto offrire un altro spettacolo”. Gasperini, alla seconda espulsione con Banti, spiega perché l’arbitro non lo ha fatto rientrare in panchina: “Ho contestato in modo pacato l’episodio di Perin e la simulazione di Ljajic dai cui sviluppi è nato il gol della Roma, lui non ha accettato la critica e mi ha buttato fuori”. Il mister è comunque soddisfatto: “Abbiamo giocato sino all’ultimo, inserendo Pinilla, mettendo Burdisso a fare l’attaccante, abbiamo avuto la possibilità di pareggiare”.

Rigore parato ma sconfitta all’esordio in campionato per Lamanna: “Questa sconfitta non intacca il nostro stato d’animo perché continueremo a fare quello che abbiamo fatto sinora, non usciamo ridimensionati da questa partita”. De Maio stempera gli animi, ma sottolinea: “L’errore sul fuorigioco di Sturaro ci può stare, ma sono i falli non fischiati a nostro favore che ci hanno dato da pensare. La partita è stata combattuta e abbiamo ancora dimostrato il nostro carattere e la nostra forza, anche in 10 uomini. Non siamo stati ad attenderli, abbiamo giocato a viso aperto, siamo stati solo poco attenti sulle ripartenze. A Torino non sarà facile, ma non abbiamo paura di nessuno, visto che abbiamo messo in difficoltà tutte le squadre contro cui abbiamo giocato”.