Cronaca

Omicidio-suicidio a Rapallo, la sorella: “Alessio non accettava la separazione, ma non era uno psicopatico” fotogallery

omicidio suicidio rapallo

Rapallo. “Alessio era un bravo ragazzo, senza lavoro, da più di tre anni, ma non era un violento o uno psicopatico”. E’ la sorella di Alessio Loddo, Pierpaola a scrivere a un sito locale il giorno dopo la terribile tragedia che ha sconvolto Rapallo.

Nel tardo pomeriggio di ieri suo fratello ha ucciso a coltellate la compagna Gisella Mazzoni e poi si è gettato dall’ultimo piano della palazzina di via Lamarmora portando con sé anche il figlioletto di un anno. “Un’enorme tragedia”, scrive Pierpaola, quella sorella a cui proprio Alessio ieri sera aveva inviato un messaggio prima di compiere l’estremo gesto, annunciando il dramma e chiedendo perdono.

“Sì, prendeva delle gocce per dormire e allora tutti coloro che usano gocce per dormire sono psicopatici?”, denuncia la donna, che vuole rispetto “per le persone che restano a cercare di andare avanti e convivere con questa tragedia, evitando di puntare il dito e giudicare, giudicare sempre”.

Pierpaola nega le denunce per violenze su precedenti compagne, come ricostruito nelle ultime ore. “Falso – scrive la sorella nella sua lettera aperta a Levantenews – litigavano è vero, ma come la maggior parte delle coppie, ed è anche vero che mio fratello nn aveva accettato la separazione né da lei né dal piccolo Francesco che, come lei, aveva desiderato ed amato”.