Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Elezioni regionali, ultimatum della Lega: “Nostro il candidato del centrodestra o andiamo soli”. Sarà Rixi?

Liguria. “Il candidato del centrodestra alle prossime elezioni regionali dovrà essere della Lega Nord: Forza Italia si metta il cuore in pace”. A lanciare l’ultimatum è Paolo Ripamonti, segretario provinciale del Carroccio: “In questo momento siamo noi il vero leader della coalizione, pretendiamo il candidato presidente altrimenti andremo da soli”. E sbuca un nome: sarebbe quello di Edoardo Rixi.

La presa di posizione arriva il giorno dopo il sondaggio, commissionato da Ivg a Opimedia, sul possibile risultato delle prossime elezioni regionali, previste in primavera. I dati sono impietosi: se si votasse domani, il risultato che uscirebbe dalle urne savonesi sarebbe una vera e propria Caporetto per il centro destra e soprattutto per il partito di Silvio Berlusconi, superato da M5S e Lega Nord. Un sondaggio che, se da un lato ha irritato i leghisti per l’assenza di politici del Carroccio tra i nomi proposti agli intervistati, dall’altro lato ha percentuali che sorridono. 10% per i “verdi”, 8% per gli “azzurri”: un vantaggio che Ripamonti è deciso a sfruttare. “Il 10% è un dato destinato a salire, anzi credo sia già salito – spiega il leghista – Il ragionamento è molto semplice: in questo momento la vera alternativa al ‘renzismo’ è Salvini, e quindi la Lega Nord”.

Una forza a livello nazionale che si traduce anche in territorio ligure: “La nostra regione è enormemente rappresentata dal segretario Sonia Viale, che sta conducendo molto bene il partito sotto la guida di Salvini. E anche in provincia di Savona abbiamo dato dimostrazione di essere in grado di ‘tenere botta’ alle altre componenti politiche”. Sul possibile esito delle elezioni, il sondaggio sorride al Pd e al centrosinistra, la cui coalizione raggiungerebbe il 51%. Sul punto Ripamonti è chiaro: “Mi auguro e spero che il popolo ligure e savonese si stufi veramente di essere gestito da Burlando piuttosto che Paita o Cofferati, ma che decida per un’alternativa”.

E per costruirla c’è solo una possibilità, secondo Ripamonti: “Io sono certo che il centrodestra correrà in qualche modo insieme – è l’auspicio – ma alle nostre condizioni. O avremo un candidato della Lega o andremo da soli. Non è più proponibile un candidato della società civile, perché sarebbe una sconfitta per la politica, né tantomeno un nome espressione di Forza Italia perché in questo momento il vero leader della coalizione siamo noi”.

“Salvini ha detto una cosa sola: abbiamo un progetto e un programma, se Forza Italia crede che queste siano anche sue battaglie ci segua – conclude Ripamonti – è evidente che, come in Emilia, pretendiamo il candidato presidente”. Sul nome si fanno insistenti le voci che indicano come favorito Edoardo Rixi, il segretario savonese non smentisce: “Sicuramente è una persona valida, e avrebbe le capacità necessarie”. Se non un’investitura ufficiale, poco ci manca.