Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Città Metropolitana, l’impegno di Doria con i sindacati: “Agirò in tutte le sedi per cambio di rotta”

Genova. Il sindaco di Genova e della Città metropolitana, Marco Doria, ha incontrato oggi le rappresentanze confederali e di categoria della funzione pubblica Genova di Cgil, Cisl Uil. Al centro della discussione la comune preoccupazione per i tagli di spesa e il modo di procedere del governo che condizionano pesantemente la nascita della nuova Città metropolitana.

Il sindaco ha ribadito il giudizio fortemente critico già espresso dopo l’incontro della settimana scorsa tra i sindaci metropolitani e il sottosegretario Del Rio e nuovamente sottolineato in apertura dell’ultima seduta del Consiglio metropolitano di Genova.

“Tagliare le risorse finanziarie alla Città metropolitana imponendo una drastica e indistinta riduzione negli organici della Provincia, senza neppure aver definito quali funzioni spettino al nuovo Ente, significa farlo nascere morto – ha ribadito – In queste condizioni perde di ogni effetto pratico la generica promessa di tener conto delle accresciute funzioni del nuovo Ente. Se si vuole davvero tener fede a questo principio essenziale bisogna prima decidere a quali compiti la Città metropolitana debba assolvere e sulla base di questo misurare quale e quanto personale sia indispensabile. D’altra parte non si possono lasciare i dipendenti del nuovo Ente in balia di una incertezza assoluta sulle prospettive di lavoro.

Il sindaco ha quindi aggiunto: “Come sindaco metropolitano, presidente dell’Anci Liguria e componente della presidenza nazionale Anci, agirò in tutte le sedi per ottenere un cambio di rotta su questi aspetti delle scelte di governo. La convergenza di vedute e di obiettivi che ho potuto verificare al riguardo con le organizzazioni sindacali è un elemento importantissimo. La Città metropolitana è una grande occasione e non deve essere sacrificata a causa di atteggiamenti miopi e lontani dalla realtà”.