Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Calcio, settimo pareggio per l’Entella. Prina: “Un’altra grande prestazione” risultati

Chiavari. Tempi che cambiano. La fotografia dell’ottimo momento dell’Entella è tutta in questo pareggio con il Livorno: in molti forse avrebbero messo la firma per il segno “X” ma al triplice fischio quanti realmente possono ritenere che il pari sia stato il risultato più giusto? “Un’altra grandissima partita – dichiara un entusiasta mister Luca Prina in sala stampa -. Contro un avversario molto forte abbiamo subito capito come comportarci, siamo stati bravi a contenerli e a ripartire”.

Rammarico. “Potevamo ottenere di più da questa partita – ammette -. Mi vengono in mente la traversa di Di Tacchio e il doppio salvataggio sulla linea nel secondo tempo.Abbiamo messo in campo la giusta cattiveria agonistica. Voglio però fare un complimento al Livorno: il gol del pari è stato il più bello che ci è stato segnato finora. Dobbiamo migliorare ancora sui palloni alti nella nostra area”.

Next step. “A Latina sarà un’altra gara importante – avverte -. Torneremo a giocare fuori casa, siamo consci del fatto che in trasferta sia molto più difficile esprimere le proprie qualità ma ci proveremo lo stesso, dando tutto come al solito. Qualsiasi sia il risultato della prossima partita non influirà assolutamente su quelle che sono le nostre convinzioni e certezze: abbiamo imboccato la strada giusta e intendiamo rimanere in essa”.

Conferme. “Mazzarani e Litteri stanno dimostrando sempre di più il loro valore – continua il mister -. La nostra è una società che programma il proprio lavoro e che tiene ai risultati sportivi quanto alla crescita dei propri giocatori. Anche lo ‘zoccolo duro’ dello spogliatoio è fondamentale per l’inserimento e la resa tanto dei nuovi quanto dei giovani. L’esempio di Belli, un ragazzo che l’anno scorso giocava in Serie D, è esemplificativo”.

Il punto conquistato contro il Livorno porta anche la firma di Andrea Paroni, fondamentale in alcune circostanze, a cominciare da un grande intervento nel primo tempo. “La parata su Jelenic è stata decisiva, anche se sono stato un po’ fortunato – dichiara con modestia in sala stampa -. Sono riuscito a respingere con il piede il tiro nonostante mi fossi buttato dall’altra parte. Voglio fare i complimenti ai miei compagni, contro il Livorno non era assolutamente facile eppure abbiamo mostrato un gran gioco per lunghi tratti. Sono felice per il mio percorso personale e di squadra, in questi anni abbiamo fatto grandi cose”.

Raggiante per la prestazione, e soprattutto per il traguardo delle 100 presenze in biancoceleste, Gennaro Volpe è il terzo a prendere la parola in sala stampa. “Voglio ringraziare la società per questi anni stupendi, sono riuscito ad ottenere un grande obiettivo a cui tenevo molto. Per quanto riguarda la partita c’è forse un po’ di rammarico – dice -. “Una volta ottenuto il vantaggio avremmo voluto mantenerlo fino alla fine. Siamo un grande gruppo: in un momento di difficoltà ci siamo compattati, riuscendo a inanellare una serie di ottime prestazioni che hanno portato punti pesanti”.