Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Calcio, l’Entella porta a casa un punto da Varese. Prina: “Soddisfatto della prestazione dei miei ragazzi”

Chiavari. Ha un retrogusto amaro il punto conquistato dall’Entella a Varese. Il doppio vantaggio maturato nei minuti iniziali della sfida non è bastato per sbancare l'”Ossola”, anche in virtù di alcuni episodi discutibili, bocconi difficilissimi da digerire per mister Luca Prina.

“A mio avviso il rigore che ha permesso ai padroni di casa di accorciare non c’era, mentre in occasione del 2-2 c’è stato un fallo ai danni di Troiano”, esordisce il tecnico in sala stampa.

Nessun rimorso, solo un rimpianto. “Ai miei ragazzi non posso rimproverare niente – continua -. Sono soddisfatto della nostra prestazione, abbiamo mostrato carattere e temperamento. Dispiace solo per il risultato: per come si era messa la gara tornare a Chiavari con un solo punto è un vero peccato”.

“Dopo il doppio vantaggio era normale attendersi una reazione da parte del Varese – spiega il mister -. Noi siamo comunque rimasti sul pezzo, concentrati, in pieno controllo del match. Ovviamente non siamo stati perfetti, c’è ancora da migliorare. Finora l’unica partita che abbiamo completamente sbagliato resta quella di Vercelli, oggi abbiamo fatto un ulteriore passo avanti rispetto a quanto mostrato con l’Avellino”.

Avversari. “Il Varese è una squadra di valore nonostante la classifica sia deficitaria – aggiunge -. Venivano da un brutto periodo quindi avevano molto da dimostrare. Inoltre avere un allenatore della città come Bettinelli è un valore aggiunto, soprattutto sotto il profilo della motivazione e determinazione. Siamo comunque contenti del punto ottenuto, muove la classifica”.

Infortuni. “Purtroppo stiamo pagando molto da questo punto di vista ma rientra nel gioco – conclude il tecnico -. Devo dire però che tutti i ragazzi che sono stati chiamati in causa dall’inizio della stagione hanno sempre risposto alla grande, anche i più giovani. E’ un dato che mi conforta molto e mi inorgoglisce”.