Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Alluvione, a Mignanego riapre la storica parrucchiera: “Mobilitazione commovente, taglio gratis per i volontari” foto

Più informazioni su

Mignanego. Ci sarà il “taglio alluvione” e il taglio gratis per tutti i volontari che, nella Mignanego sommersa da acqua e fango, hanno aiutato Gianna e Cristina a risollevarsi, in tempo record, dall’alluvione del 15 novembre scorso, quando la furia dell’acqua aveva portato via tutto, arrivando a sfiorare i due metri d’altezza.

Pala alla mano e solidarietà: a Mignanego, la mobilitazione per ripulire il locale della storica parrucchiera del paese scatta immediata: dopo due settimane, martedì 2 dicembre, il negozio, totalmente rifatto, riapre alla clientela. Nella sua offerta anche la creazione di uno speciale “taglio alluvione”.

“Abbiamo voluto ripartire immediatamente per rispondere concretamente alla grande generosità dimostrata da amici e sconosciuti – raccontano Gianna Bruzzone e Cristina Zunino, le titolari del salone sotto strada in via Vittorio Veneto – Natale è alle porte e speriamo di recuperare una piccola parte dell’enorme danno subito. Inevitabile è stato aprire il portafoglio e investire risorse di famiglia. Ma subito dopo le festività, proprio in corrispondenza dei due mesi dall’alluvione che ha sfigurato il nostro negozio, organizzeremo una settimana di tagli e composizioni gratuite per i tanti volontari che ci hanno aiutato a risollevarci, donne e uomini comprese. Dedicare a questa gente una cena sarebbe stata una bella idea, ma avremmo rischiato di dimenticare qualcuno. Attraverso la formula del servizio gratuito pensiamo di esprimere un nostro piccolo grazie a una comunità che si è mobilitata in modo commovente” spiegano.

In un piccolo paese d’entroterra, i problemi del settore artigiano legato ai parrucchieri non sono rappresentati dalla concorrenza cinese come succede nelle grandi città. Qui i nodi irrisolti, oltre alle inondazioni, si chiamano concorrenza sleale di acconciatrici in nero che viaggiano nelle case senza ricevuta e liberalizzazioni delle licenze che hanno consentito innumerevoli aperture ravvicinate. Temi sul tavolo e irrisolti, gravi quasi quanto l’alluvione.

Appuntamento domani, a Mignanego. Per dare un taglio al fango.