Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Alluvione, conto alla rovescia: sabato riapre la Provinciale 3 a Serra Riccò

Serra Riccò. Conto alla rovescia per riaprire la provinciale 3 di Crocetta d’Orero, una delle strade colpite più pesantemente dalla drammatica e devastante alluvione del 9-10 ottobre scorsi (e poi anche da quella del 15 e 16 novembre). A monte del capoluogo di Serra Riccò la furia del torrente in piena aveva letteralmente demolito un tratto della carreggiata e ora la Provincia sta completando i lavori avviati con i fondi erogati dalla Regione per queste emergenze, con l’obiettivo (“salvo imprevisti dell’ultimo momento” premettono i tecnici), di riaprire la strada, a senso unico alternato, fra due giorni, sabato 13 dicembre.

Gli interventi, che continuano a pieno ritmo, hanno costruito un nuovo muro di sostegno in pannelli prefabbricati alto sei metri, lungo venticinque, con fondazioni profonde tre metri per ancorarle alle rocce sotto l’alveo del torrente e protette da una scogliera, utilizzando inoltre per i riempimenti sotto la carreggiata la ghiaia e le pietre del corso d’acqua. Mancano ancora il cordolo in cemento armato, il guard-rail e l’asfaltatura finale e per questo nella prima fase la circolazione sarà a senso unico alternato, sino alla conclusione degli ultimi lavori.

“Appena sono arrivate dalla Regione le prime risorse per le emergenze – dice il commissario Piero Fossati – abbiamo attivato i cantieri e le imprese hanno utilizzato al meglio tutte le tregue concesse dal maltempo per completare gli interventi, con l’assistenza dei nostri tecnici. Sulla provinciale di Crocetta d’Orero, un collegamento molto importante fra la Val Polcevera e la Valle Scrivia, i lavori sono potuti effettivamente partire con la necessaria continuità e sicurezza per uomini e mezzi che dovevano operare nell’alveo solo dopo l’alluvione di metà novembre e l’impegno delle imprese e dei tecnici provinciali ha permesso di realizzarli quasi completamente in poche settimane”.