Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Santa Margherita, il conto salato dell’alluvione: pioggia e mareggiata, 200 mila euro di danni

Santa Margherita. Gli eventi alluvionali che nel mese di novembre hanno colpito la Liguria, non hanno risparmiato Santa Margherita Ligure dove si stimano danni per circa 200 mila euro.

Le voci che incidono di più sono quelle relative al ripristino di frane, causate dalla pioggia, e ai danni provocati dalla mareggiata su arenili e strutture. Il maltempo non ha risparmiato neppure le zone di pregio della città quali villa Durazzo e villa San Giacomo interessate da alcuni danneggiamenti.

“Un conto salato– dichiarano il sindaco Paolo Donadoni e l’assessore ai lavori pubblici Linda Peruggi – La nostra città è stata colpita da tre eventi atmosferici contemporaneamente: la forte pioggia, il forte vento e la mareggiata. Siamo consapevoli che a pochi chilometri da noi la situazione è ben peggiore e il conto, purtroppo anche in termini di vite umane, è superiore. Tuttavia dobbiamo guardare la realtà dei fatti e, come molti altri Comuni liguri, chiedere alla Regione e al Governo, un aiuto economico per le opere di ripristino, alcune di queste urgenti. Anche noi abbiamo delle risorse vincolate dal patto di stabilità: circa 11 milioni, una parte dei quali, se sbloccati, potrebbero essere spesi immediatamente per lavori contro il dissesto idrogeologico”. Donadoni e Peruggi, coadiuvati dagli Uffici, invieranno richiesta ufficiale agli Enti preposti.

La richiesta si aggiunge a quella inviata pochi giorni fa al Presidente del Consiglio Matteo Renzi, al Capo della Protezione Civile Franco Gabrielli e al Presidente della Regione Liguria Claudio Burlando relativa al finanziamento per la realizzazione dello scolmatore tra i torrenti San Siro e Magistrato; un’opera da 32 milioni di euro, circa, il cui progetto, già approvato e subito cantierabile, non è stato inserito nella prima tranche del “Italiasicura”. “Auspichiamo che un’opera così importante per noi venga tenuta in considerazione quanto prima” concludono Donadoni e Peruggi.