Quantcast

La Samp ne fa tre alla Fiorentina: è sempre terzo postorisultati

Sampdoria campionato 14/15

Genova. La Samp liquida la “pratica” Fiorentina con un sonante 3-1 e mantiene il terzo posto in classifica. Due gol nel primo tempo con un rigore di Palombo e la prima rete in serie A di Rizzo, un’amnesia difensiva su calcio da fermo che ha dato alla Fiorentina la speranza di poter arrivare al pareggio e un secondo tempo di sacrificio nell’attesa di colpire al momento giusto, sfruttando un errore degli avversari con Eder. Una vittoria costruita grazie a un collettivo che sino al novantesimo dà sempre il 110% che ormai consolida i blucerchiati in una posizione di primo piano in questo campionato.

Cielo coperto e temperatura gradevole per il big match della domenica pomeriggio. “Giustizia per Cucchi” è lo striscione esposto nella Sud all’ingresso in campo delle due squadre.

Mihajlovic preferisce lasciare in panchina Gabbiadini ed Eder, Rizzo e Bergessio dal primo minuto. Dietro titolari Mesbah e Cacciatore, viste le numerose assenze e un modulo iniziale trasformato in 3-5-2, con Palombo arretrato sulla linea di difesa.

Nei primi due giri di orologio già due calci d’angolo per la Fiorentina, che per l’occasione sfoggia un completo interamente nero. La Sampdoria si salva senza troppi problemi.

È il quinto minuto quando la Samp prova uno schema su calcio d’angolo: palla al limite per Soriano che calcia al volo, Bergesssio non arriva di testa per un soffio.

Rovesciamento di fronte ed è Babacar a rendersi pericoloso con una conclusione dal limite che esce di pochissimo.

Ancora emozioni al 7′: Okaka aggancia in area di rigore, scontro con Neto, lo stadio invoca il calcio di rigore, ma Giacomelli non fischia.

Sempre Okaka protagonista al 14′: l’attaccante sfrutta un bel passaggio filtrante di Mesbah per andare in profondità ed entrare in area, anziché tirare preferisce servire un compagno, ma la Fiorentina mette in angolo.

La Samp è in palla e Okaka fa ammattire le retrovie viola, al 19′ arriva il primo giallo per una evidente trattenuta di Richards.

I ritmi alti rendono la partita piacevole. Al 25′ lo diventa ancora di più per i blucerchiati: Aquilani tocca Soriano in area e stavolta Giacomelli non ha dubbi. Batte Palombo sotto la Sud ed è gol, Neto spiazzato. Sampdoria in vantaggio (27′).

La Fiorentina non ci sta e conquista subito un calcio d’angolo grazie a un cross di Aquilani, ma è la Sampdoria a ripartire velocemente.

È il 31′ quando Giacomelli fischia un rigore per la Fiorentina, con Palombo che atterra Babacar, grandi proteste con lo stesso capitano ammonito, perché a velocità normale il fallo sembra molto dubbio. Sul dischetto si presenta Gonzalo Rodriguez, ma Romero è eccezionale a restare fermo e a bloccare il tiro tutt’altro che irresistibile del connazionale.

Occasione per la Fiorentina al 40′: su calcio d’angolo arriva Alonso di testa, palla fuori di un soffio.

Un duro intervento di Cuadrado su Rizzo costa il giallo anche al colombiano (41′). Un minuto dopo è proprio il ventiduenne genovese a portare sul 2-0 la sua squadra. Il primo gol in serie A per il giovane centrocampista è strepitoso: stop, finta e sinistro in rete.

Non c’è tempo per festeggiare: al 45′ Savic di testa riduce le distanze sfruttando un calcio d’angolo ben battuto da Borja Valero. Si va al riposo sul 2-1 per la Samp.

La ripresa inizia senza cambi e con la Fiorentina subito in avanti, anche se sono i blucerchiati ad arrivare per primi al tiro in porta con Okaka, Neto si distende e blocca (48′).

Al 50′ punizione per la Fiorentina: i giocatori della Samp provano a guadagnare centimetri cancellando coi piedi la linea tracciata dall’arbitro per segnare la distanza regolamentare, preoccupazioni inutili perché ci si mette il manto erboso a ostacolare Babacar, che scivola al momento della battuta. Ancora ospiti protagonisti al 53′: lo slalom di Ilicic porta lo sloveno davanti a Romero, ci pensa Cacciatore a sbrogliare la situazione.

Obiang atterra Rodriguez al 55′ e arriva il quarto cartellino giallo della partita. Altra ammonizione per Rizzo, fallo tattico a centrocampo per ostacolare una ripartenza pericolosa degli avversari. Gonzalo Rodriguez frana addosso a Soriano e nuovo cartellino tirato fuori da Giacomelli.

Al 58′ la prima sostituzione di Montella: esce Badelj per Pizarro, subito dopo altro giallo: Babacar si aggiusta la palla con la mano in area di rigore.

Al 60′ Rizzo ci prova al volo su una palla arrivata dal calcio d’angolo, la difesa viola respinge e lo stesso centrocampista è autore di uno scatto portentoso per recuperare il pallone che avrebbe consentito alla Fiorentina di portarsi pericolosamente sulla trequarti: applausi da tutto lo stadio.

Arriva il momento di Pasqual per Richards nella Fiorentina e di Eder per Bergessio (65′). È Fiorentina a tenere il pallino del gioco, ma la Samp quando riesce a verticalizzare ha in Okaka un punto di riferimento sempre presente: è così al 67′ quando la sua girata viene bloccata da Neto.

Ultima sostituzione per i toscani al 69′: esce Cuadrado ed entra Mario Gomez dopo una lunga assenza. Ancora Okaka prosegue il suo duello con Neto: destro in diagonale parato in tuffo in due tempi (70′).

Mihajlovic fa uscire Rizzo al 71′ per Krsticic. La Fiorentina ci prova con Babacar in appoggio per Borja Valero, Palombo si rifugia in angolo. Sulla battuta Aquilani spara altissimo. Ma è ancora Fiorentina al 73′: destro di Gomez sul primo palo, Romero blocca in tuffo. È un momento difficile per la Samp, che non riesce più a tener palla, ma il calcio sorprende sempre: un errore madornale di Pizarro a centrocampo fa involare Eder verso la porta di Neto, nessuno dei tre avversari che lo circondano ha il coraggio di intervenire e il brasiliano infila Neto in uscita: 3-1 (77′).

La straripante fisicità di Okaka a cinque minuti dalla fine fa guadagnare un calcio di punizione ai suoi dai 30 metri: dopo aver portato a spasso mezzo centrocampo avversario, serve Eder che viene atterrato.

Nel recupero l’ultima sostituzione: fuori Soriano per Duncan e tutti a festeggiare.

 

Sampdoria-Fiorentina 3-1

Reti: 27′ Palombo (R), 42′ Rizzo, 45′ Savic, 77′ Eder

Sampdoria: Romero, De Silvestri, Mesbah, Cacciatore, Regini, Soriano (90′ Duncan), Palombo, Obiang, Rizzo (71′ Krsticic), Okaka, Bergessio (65′ Eder).

A disposizione: Da Costa, Massolo, Fedato, Gabbiadini, Sansone, Marchionni, Fornasier, Wszolek.

Allenatore: Mihajlovic

Fiorentina: Neto, Richards (65′ Pasqual), Rodriguez, Savic, Alonso, Aquilani, Badelj (58′ Pizarro), Ilicic, Borja Valero, Cuadrado (69′ Gomez), Babacar.

A disposizione: Tatarusanu, Vargas, Marin, Fernandez, Kurtic, Joaquin, Basanta, Bernardeschi, Tomovic.

Allenatore: Montella

Arbitro: Giacomelli di Trieste.

Ammoniti: Palombo, Obiang, Rizzo (S), Richards, Cuadrado, Rodriguez, Babacar (F)