Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rugby, Serie A: ancora una meta tecnica dà la vittoria al Cus Torino, un solo punto per il Cus Genova

Più informazioni su

Genova. Per gran parte della partita avanti nel punteggio, il Cus Genova non è riuscito a dare il colpo del ko e, alla fine, una meta tecnica ha dato il vantaggio definitivo ai padroni di casa.

A differenza di domenica scorsa, però, al termine della gara Stefano Bordon non è arrabbiato coi suoi giocatori, tutt’altro. “Questa volta – afferma – è andata molto meglio come atteggiamento e come attitudine. Abbiamo giocato su un campo zuppo, molto fangoso, e noi non siamo più abituati, non siamo squadra che si trovi bene su questi terreni. Ma abbiamo fatto bene, il gioco tattico è andato bene, ci siamo ben comportati. Abbiamo pagato, ancora una volta, l’inferiorità numerica, con il giallo destinato a Pallaro, che mi ha detto che non era corretto, ma va beh, non sono queste le cose importanti”.

“Il Torino – prosegue Bordon – nella ripresa ha cominciato a giocare stretto e in piedi, e noi abbiamo fatto più fatica, fino a quando è arrivata la meta tecnica, su cui magari si può discutere, ma non ha senso. Ha senso il fatto che abbiamo dimostrato che non siamo una squadra inferiore al Cus Torino, e nel finale, se non ci fosse mancata un po’ di lucidità, avremmo potuto segnare ancora. Ma penso di non poter dire nulla ai ragazzi per la prestazione che hanno fatto”.

Avrebbe potuto essere il giorno della rivincita per il Cus Genova, ma la meta tecnica assegnata dall’arbitro ha consegnato ancora la vittoria ai piemontesi

Si torna a Genova, dunque, con un solo punto nel carniere e la terza posizione che si fa più lontana. Ma ci sono ancora partite da giocare e il Cus Genova ha voglia di togliersi altre soddisfazioni, dimostrando di potere e sapere crescere ancora.

Il tabellino della gara:
Cus Torino – Cus Genova 13-10 (p.t. 6-10) (punti: 4 – 1)
Cus Torino: Aspeling, C. Lo Greco, Civita, Monfrino, Perju, Reeves, Musso (s.t. 26° Jaluf), Ursache, Carbone, Pellegrini (s.t. 37° Maso), Malvagna, S. Lo Greco (s.t. 1° Merlino), M. Racca (s.t. 15° Nicita), Lo Faro, Martina (s.t. 1° Montaldo). A disposizione: N. Racca, Murgia, Valenti. All. Andre Bester.
Cus Genova: Sandri, Bedocchi, Gregorio, Castle, Serpico, Cipriani, Garaventa, Bertirotti, Barry (s.t. 18° Imperiale), Maccari, Fisiihai, Dell’Anno, D’Amico (s.t. 3° Avignone), Pallaro, Cattaneo. A disposizione: Casaleggio, Del Terra, Zaami, Michieli, Sibilla. All. Stefano Bordon.
Arbitro: Diego Bono (Brescia). Giudici di linea: Salvatore D’Amico e Francesco Pulpo (Brescia)

Marcatori: p.t. 6° c.p. Cipriani (0-3), 12° meta Serpico, tr. Cipriani (0-10), 21° c.p. Aspeling (3-10), 35° c.p. Aspeling (6-10); s.t. 11° meta tecnica, tr. Aspeling (13-10).
Cartellini gialli: p.t. 27° S. Lo Greco (Torino); s.t. 6° Pallaro (Genova), 32° Avignone (Genova).