Quantcast
Sport

Rugby, il Cus Genova torna a vincere: battuto il Piacenza con una prestazione a due faccerisultati

Joshua Fisiihai

Genova. Un primo tempo quasi da dimenticare, terminato 6-3 per il Piacenza, poi una ripresa in cui il Cus Genova ha imposto il proprio rugby e dimostrato di sapere giocare ad alti livelli.

Oggi al “Carlini” la formazione di Bordon ha vinto, ed era fondamentale, ha fatto un buon passo avanti in classifica, e anche questo era importante, ma soprattutto si è sperabilmente convinta che se gioca come sa e come può riuscire a fare risultato ovunque.

Il tecnico dei cussini, a fine gara, ha commentato: “Sono contento per il risultato, alla fine la partita è andata bene, anche se abbiamo giocato solo un tempo. Non credo che abbiamo sottovalutato il Piacenza, ma l’atteggiamento mentale, all’inizio, non è stato sicuramente quello giusto. Bene, però, che nella ripresa la squadra abbia reagito: è segno di maturità saper cambiare il corso delle partite, e saper riprendere in mano la gara. Ora ci siamo di nuovo riavvicinati al terzo posto, e peccato che alle due mete di Fisiihai e a quella di Salerno non abbia fatto seguito la quarta segnatura che ci avrebbe dato un punto in più. Ci siamo andati vicino, ma non è bastato”.

Un primo tempo, si diceva, brutto, durante il quale i cussini si sono fatti imporre il gioco dagli avversari, tra una mischia, in cui c’erano parecchie difficoltà, e una touche, con poco gioco vero, e tutto affidato ai calci. Dopo i primi 40′ il tabellino diceva 6-3 per il Piacenza.

Tutta un’altra storia nella ripresa, dove i biancorossi hanno cominciato a giocare come sanno, a far viaggiare il pallone e a costringere gli emiliani quasi esclusivamente a difendere. E così, ecco le due mete di Fisiihai, che ha finalizzato due lunghe azioni nei ventidue avversari, e poi quella di Salerno, propiziata dal calcio passaggio di Cipriani: presa al volo e tuffo in area di meta.

Per la partita odierna la squadra guidata da Stefano Bordon e John Akurangi ha potuto contare su Alberghini, Avignone, Barry, Bedocchi, Bertirotti, Cadeddu, Casaleggio, Castle, Cattaneo, Cipriani, D’Amico, Dapino, Del Terra, Dell’Anno, Fisiihai, Garaventa, Gregorio, F. Imperiale, Maccari, Pallaro, Riccobono, Salerno, Sandri.

Per il Cus Genova quattro punti in classifica che permettono di superare in un colpo solo Piacenza e Cus Torino (il quale è in attesa del verdetto sul ricorso avverso la sconfitta subita ad opera del Pro Recco lo scorso 2 novembre), e guardare alle prossime gare con uno sguardo diverso.

Nel frattempo è arrivato il momento della sosta per la partita della Nazionale di sabato 15 novembre al “Ferraris”, cui tanto ha lavorato il Cus Genova, insieme a Genovale e al Comitato Regionale della Fir, che fanno parte del comitato organizzatore del test match.

Nella foto: Joshua Fisiihai va in meta.