Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Promozione A: verifica importante per la Voltrese, Campomorone e Borzoli vogliono tendere un agguato ad Albissola ed Albenga risultati

Serra Riccò. In attesa del big match decisivo, che le vedrà di fronte mercoledì 3 dicembre, la Carlin’s Boys e la Voltrese, vogliono, quantomeno, presentarsi alla prossima sfida infrasettimanale appaiate in classifica… anche per non dare, in fase d’avvio, vantaggi psicologici alla rivale… e per esserne certe non hanno alternative alla vittoria.

I sanremesi di mister Papa ricevono una Rivarolese in crisi di risultati, quindi i favori del pronostico sono tutti pro rivieraschi, anche se gli avvoltoi possono mettere in campo la tranquillità di chi non ha nulla da perdere.

Sicuramente meno agevole, in questo dodicesimo turno, il compito della Voltrese, infatti i ragazzi di mister Navone sono attesi a Cogoleto da una squadra in grado di “dire la sua”, nonostante l’assenza per squalifica di uno dei punti di forza, Craviotto… insomma spettacolo assicurato per chi andrà a sedersi in tribuna al Giovanni Maggio.

La terza forza del torneo, l’Albenga distanziata di 5 punti dalla vetta, crede ancor più nei propri mezzi, a maggior ragione dopo l’eccellente prova contro la Carlin’s… ma non dovrà farsi sfuggire l’opportunità di fare i tre punti nell’insidiosa trasferta sul terreno del pericolante Borzoli. Per gli ingauni è un’occasione da non fallire, contro i genovesi, che – penultimi in classifica – vogliono giocarsela alla pari la gara, sperando in un successo scaccia crisi.

L’Albissola, quarta in classifica, sfruttando la riapertura delle operazioni di trasferimento calciatori di inizio dicembre, con un magistrale colpo del ds Aldo Lupi, si è aggiudicata le prestazioni del centrocampista dell’Arenzano, Giorgio Guerrieri, un elemento di spicco, che andrà a rafforzare la rosa degli ambiziosi ceramisti, che – intanto – cercheranno di tornare dalla trasferta di Campomorone con il massimo dei punti, anche se i polceveraschi, risucchiati in una pericolosa zona melmosa del campionato, punteranno al successo pieno, che rappresenterebbe una base di partenza verso posizioni più consone al valore della squadra.

Le premesse per un incontro avvincente ci sono anche tra Serra Riccò ed Arenzano, con i padroni di casa che puntano a scavalcare i rivieraschi, privi in panchina dello squalificato mister Baldi, espulso domenica scorsa nella sua partita d’esordio sulla panchina arenzanese.

E già che si parla di cambi di allenatori… ecco che, in settimana, è avvenuto l’ennesimo “turn over”: a farne le spese è stato Ceppi del Bragno, sostituito dal genovese Palermo, che in passato aveva già allenato in Val Bormida, alla guida della Carcarese.

Non sarà certo la gara casalinga, contro un Taggia dal rendimento anomalo, a nobilitare il neo mister del Bragno (privo di Tosques, incappato nelle ire del giudice sportivo, che lo squalificato per 4 turni), dato che il suo predecessore, in casa, ha collezionato quattro successi ed una sconfitta in cinque gare disputate… un trend da prime piazze ! Piuttosto l’obiettivo imprescindibile sarà dare la “scossa” in trasferta…

Due scontri salvezza, in chiave savonese, chiudono la presentazione dell’ultima giornata novembrina del torneo: Legino-Loanesi e Varazze-Ceriale.

Al “Ruffinengo”, con inizio alle ore 18.00, andrà in scena l’anticipo del sabato tra Legino e Loanesi, due compagini in salute, che vogliono continuare l’onda lunga dei risultati, che li hanno risollevati in graduatoria,

Quanto a Varazze e Ceriale, i nerazzurri di mister Damonte, vincendo, farebbero un balzo importante in classifica, mentre il Ceriale, ultimo con solo sei punti, sa che i pareggi non portano lontano, per cui – se vuole avvicinarsi al lotto di squadre che lo sopravanzano – deve scendere in campo con l’obiettivo dei tre punti.