Quantcast
Cronaca

Prima conquista la sua fiducia, poi lo rapina e gli svaligia la casa: 80enne raggirato a Sampierdarena

sap sindacato avis protesta

Sampierdarena. Una sera dell’aprile scorso, mentre in autobus stava facendo ritorno a casa, un 80enne di Sampierdarena aveva conosciuto una donna sudamericana che lo aveva impietosito, raccontandogli di trovarsi in stato di bisogno. L’anziano aveva pertanto deciso di portarla a casa sua per aiutarla ma la donna, appena messo piede nell’abitazione, aveva iniziato a girare tra le stanze, aprendo sportelli e cassetti dei mobili. Alle rimostranze del proprietario, ha reagito spintonandolo e rapinandolo del telefono cellulare e delle chiavi di casa. Non contenta il giorno dopo è tornata nell’appartamento, grazie alle chiavi sottratte, impossessandosi del televisore e altri oggetti.

A seguito di un primo intervento della volante e della denuncia presentata dalla vittima, è partita l’attività d’indagine della Polizia di Stato. A tradire la colpevole e a consentirne l’identificazione da parte degli uomini dell’Ufficio Trattazione Atti del Commissariato Cornigliano è stato l’uso che la stessa ha continuato a fare nei giorni seguenti del cellulare dell’anziano. I poliziotti hanno così scoperto che l’autrice della rapina e del successivo furto era una 31enne ecuadoriana, con numerosi precedenti e già sottoposta all’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria proprio nel Commissariato di Cornigliano.

Ieri, a seguito della segnalazione all’Autorità Giudiziaria, la Corte d’Appello di Genova ha disposto la sostituzione di tale misura con la custodia cautelare in carcere e così gli operatori hanno atteso che la donna si recasse in Commissariato per la consueta firma per arrestarla.