Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pallanuoto, World League: debutto vincente per l’Italia, poker di Francesco Di Fulvio

Recco. La “giovane Italia” batte la Francia 15 a 9 in trasferta e riparte centoquattordici giorni dopo il bronzo europeo di Budapest. Gli Azzurri, già qualificati alla final eight di Bergamo (23/28 giugno) in qualità di Paese ospitante, affrontavano i transalpini all’esordio del girone C di World League alla piscina “Yves Blanc” ad Aix en Provence.

Bene l’attacco con 5 su 10 in superiorità e bomber Di Fulvio autore di quattro reti. Nel prossimo turno si alzerà l’asticella con gli italiani che voleranno a Budva per affrontare il Montenegro, martedì 9 dicembre.

Nell’altro incontro del girone la Croazia ha sconfitto a Zagabria la Turchia per 13 a 3.

Soddisfatto il ct azzurro Campagna che analizza il match anche in considerazione della novità del campo da venticinque metri anzichè i canonici trenta. “Questa novità procura vantaggi e svantaggi – dichiara a caldo Campagna -. E’ molto più facile il rovesciamento di fronte con il contropiede che può esser innescato subito, come nel caso di Presciutti che ha aperto le marcature, e ci possono essere più occasioni nella stessa azione. Questo fa aumentare l’intensità di gioco con maggiore frenesia e azioni dagli esterni, che di contro penalizzano i centroboa tagliati fuori dagli schemi. Riguardo la partita non potevo pretendere di più dalla squadra sia per la giovane età che per il poco tempo per cui siamo stati insieme. Bene l’uomo in più con gli schemi che abbiamo provato che hanno funzionato e le controfughe; meno bene la difesa con l’uomo in meno ma abbiamo tempo e mondo per migliorarla”.

Felice per il rientro Niccolò Gitto, che va a segno dopo un anno di assenza: “Sono emozionato come quattro anni fa quando rientrai proprio con Campagna contro i transalpini. Allora vincemmo il mondiale a Shanghai; oggi c’è un bel gruppo fatto di ragazzi veri che si sacrificano, il mister mi conosce e sono onorato di poter esser chiamato ancora perchè ho tanta voglia ed energia da metter a disposizione”.

Mvp di giornata Francesco Di Fulvio (nella foto), che si porta a casa il pallone dopo le quattro reti segnate: “Stiamo lavorando duro. Questo è un gruppo che si è formato prima degli Europei e il lavoro sta dando i frutti. Io raccolgo solo quello che la squadra produce. Stasera mi sentivo bene e quando ho potuto ho cercato la soluzione personale”.

La cronaca. Gli Azzurri, senza capitan Tempesti che dà forfait per indisposizione intestinale, scendono in vasca con il ritorno di Gitto dopo un anno in difesa, i due centroboa del ’94 Bruni e Busilacchi, Bini a mancino e Del Lungo titolare in porta che imbecca Nicholas Presciutti dopo 47 secondi per il vantaggio inziale.

Poi l’Italia subisce la vivacità dei Galletti e la catena di destra fa male. Doppio assist del mancino francese Izdinski e prima Camarasa va in gol, poi si procura il rigore che Laversanne trasforma per il 2-1 dei Bleus. La reazione è buona e Di Fulvio trova l’angolo giusto per il pareggio; poi Bruni, che combatte come un leone al centro, si gira alla grande con una sciarpata e fulmina Garsau per il 3-2 di fine tempo.

Nel secondo gli Azzurri accelerano e vanno in rete finalmente con l’uomo in più: prima Fondelli su azione manovrata e poi Renzuto Iodice che trova l’angolo giusto da posizione ciqnue. I transalpini sprecano due chances in superiorità (due falli gravi e panchina per Busilacchi) e Di Fulvio sfodera il colpo del campione con una bomba da fuori per il +4 di metà tempo. Il calo di tensione è dietro l’angolo e les Blues sfruttano prima con Simon il primo extraplayer (fallo grave di Velotto lontano dall’azione) dopo quattro tentativi e poi accorciano addirittura sul -2 di metà gara, con una rete Saudadier bravo ad inserirsi al centro.

Si riparte e il Settebello fa la voce grossa. Renzuto Iodice dà una mano al centro a Bruni e si guadagna la superiorità che va a trasformare per il 7-4. Poi l’attacco gioca sciolto e la partita diventa accademia per l’Italia: Luongo fulmina Garsau da fuori, Bini sfrutta la quarta superiorità su 7 e porta gli ospiti al massimo vantaggio (4-9) a metà tempo. La Francia si scuote col mancino Izdinski e i Blues sono di nuovo sul -4. Ci pensa Di Fulvio che ha la mano calda e fa 10-5 da fuori, realizzando la tripletta personale che chiude il tempo.

Il quarto prosegue sulla falsariga del precedente. Settebello attento in difesa e sciolto in avanti. Si segna tanto e gli spettatori gradiscono le nove reti che concludono il match. Bini va in rete dopo una bella combinazione col mancino, poi Marzouki segna in superiorità; neanche un giro di lancette e Gitto torna in gol in nazionale dopo un anno per il 6-12. Nicholas Presciutti porta gli italiani sul +7 (massimo vantaggio) ed esce per limite di falli. I Bleus accorciano sostenuti dal numeroso e corretto pubblico della Yves Blanc con capitan Camarasa e Marzouki, mentre Di Fulvio fissa il risultato sul +6 a due secondi dal termine.

Per questo incontro Campagna ha convocato Lorenzo Bruni, Marco Del Lungo, Nicholas Presciutti (AN Brescia), Giacomo Bini (Bpm Sport Management), Alessandro Velotto (Canottieri Napoli), Vincenzo Renzuto Iodice (CN Posillipo), Stefano Luongo (Carpisa Yamamay Acquachiara), Tommaso Busilacchi (Como Nuoto), Francesco Di Fulvio, Pietro Figlioli, Andrea Fondelli, Niccolò Gitto, Stefano Tempesti (Pro Recco).